Ultimo aggiornamento alle 14:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Tallini: «Dalla giunta encefalogramma piatto»

REGGIO CALABRIA «La giunta regionale era già traballante ma ora, dopo le batoste di Cosenza e Crotone, è come un pugile al tappeto. Non riesce a riprendersi in nessun modo. L’encefalogramma è piatt…

Pubblicato il: 30/06/2016 – 15:10
Tallini: «Dalla giunta encefalogramma piatto»

REGGIO CALABRIA «La giunta regionale era già traballante ma ora, dopo le batoste di Cosenza e Crotone, è come un pugile al tappeto. Non riesce a riprendersi in nessun modo. L’encefalogramma è piatto. Perciò il Pd, che ha affidato a Oliverio ogni sua chance politica assecondandolo dentro e fuori la Regione nelle sue smanie di uomo solo al comando, non riesce neanche a tenere uno straccio di riunione per discutere del fallimento». Lo sostiene, in una nota, il consigliere regionale di Forza Italia Domenico Tallini. «Tuttavia è importante – aggiunge – che si prenda atto dell’infelice conclusione delle due giunte Oliverio per evitare l’accanimento terapeutico che terrebbe bloccata la Calabria per altro tempo. Ormai i calabresi hanno capito che il 23 novembre di due anni fa si sono sbagliati a consegnare la Regione nelle mani di un presidente inconsapevole della differenza tra un ente locale e la Regione e che riteneva di poterla gestire a suo uso e consumo. Non ne ha azzeccata una. Ha fatto della Cittadella una fortezza in cui si è rinchiuso con pochi intimi e del consiglio regionale un palazzo svuotato di compiti e affidato a un curatore fallimentare. I dati economici e sociali testimoniano l’inadeguatezza del centrosinistra di Oliverio nel fronteggiare questioni di grave emergenza come la disoccupazione giovanile, fenomeno sempre più allarmante come documentato dagli ultimi dati Svimez e che avrebbero richiesto ben altro approccio e modalità di coinvolgimento della società calabrese che sono state sempre rigorosamente evitate. Tanti anni di esperienza politica non sono serviti a far capire al presidente Oliverio che, dopo sconfitte della portata di quella del 5 e 19 giugno, non si può fare come lo struzzo. O sperare che i calabresi si distraggano. La sconfitta per Oliverio e il Pd è di quelle storiche e per certi versi mai vista, sia per proporzioni numeriche che per connotazione geografica. Una sconfitta che non consente, salvo che non si vogliano prendere in giro i calabresi, appelli o attenuanti». «Bisogna assumersi la responsabilità degli errori commessi – dice ancora Tallini – e trarre le logiche conclusioni. Non puoi fermare il vento con le mani. E il vento sta spazzando via l’esperienza di Oliverio e soci, ritenuta la peggiore in assoluto della storia del regionalismo italiano, investendo la stessa credibilità dell’Istituzione. Delle due l’una, a questo punto: o si rimane fermi in attesa che tutto precipiti oppure si perviene, responsabilmente, a un percorso di rapida conclusione della legislatura, restituendo il diritto di parola ai calabresi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x