Ultimo aggiornamento alle 10:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

Coldiretti, Molinaro e l’“incidente” della carne «Dop» olandese

LAMEZIA TERME Sono molti i soggetti, tra politici, sindacalisti e rappresentanti di categoria, che ogni giorno in Calabria intervengono pubblicamente suggerendo ricette e soluzioni su scelte e stra…

Pubblicato il: 19/09/2016 – 15:52
Coldiretti, Molinaro e l’“incidente” della carne «Dop» olandese

LAMEZIA TERME Sono molti i soggetti, tra politici, sindacalisti e rappresentanti di categoria, che ogni giorno in Calabria intervengono pubblicamente suggerendo ricette e soluzioni su scelte e strategie che riguardano l’agricoltura e l’agroalimentare. Di certo – non potendo citare Expo per la magra figura rimediata dalla Calabria – c’è che in molti iniziano a comprendere ciò che è sotto gli occhi di tutti da sempre: tutti i report statistici indicano come la vocazione agricola della regione sia insopprimibile e potenzialmente capace di imprimere una svolta in positivo al sistema economico calabrese. E poi naturalmente ci sono anche i soldi, tanti, forse troppi: nei prossimi anni, fino al 2020, quasi un miliardo e cento milioni di euro, una cifra straordinaria sulla quale confidano speranzosi molti imprenditori agricoli e per la quale scalpitano in tanti, soprattutto tra quelli che sanno bene come l’aiuto in agricoltura sia da sempre leva di consenso. Poi c’è anche chi sui fondi all’agricoltura costruisce ricchezze o ristruttura casali spacciandoli per agriturismi in cui, però, l’unico che soggiorna è il proprietario.
L’agricoltura, sia chiaro, è un lavoro duro, esposto a rischi e calamità, vittima di un mercato sempre meno controllabile, condizionato dalle regole europee; ma il lavoro nei campi, per chi non lo pratica ma ne discetta ogni giorno, è anche una gallina dalle uova d’oro. Ed è un contesto nel quale si consumano paradossi e si costruiscono carriere. Coldiretti – la più grande in Italia tra le organizzazioni di settore – ha ad esempio ricevuto l’attenzione delle cronache nazionali per gli stipendi accordati al suo uomo forte, Vincenzo Gesmundo, che in 11 anni avrebbe percepito tra stipendi lordi, bonus e oneri contributivi più di 10 milioni di euro. Un ras dell’organizzazione che nel 2014 in appena 9 mesi avrebbe incassato una retribuzione di poco inferiore ai due milioni di euro. La vicenda di Gesmundo ha fatto scalpore, com’era inevitabile accadesse soprattutto per un’organizzazione di rappresentanza che lamenta, spesso e volentieri, l’assenza di risorse destinate a sostenere l’agricoltura, risorse che invece dalle parti di Palazzo Rospigliosi – elegante sede romana della Coldiretti – ci sono ma solo a beneficio di qualcuno. Ma è solo uno dei tanti paradossi.

MOLINARO E LA CARNE OLANDESE La Calabria negli ultimi anni è particolarmente tenuta in considerazione nella storica organizzazione fondata dal compianto Paolo Bonomi; la federazione regionale è guidata ormai da più di un decennio da Pietro Molinaro, entrato a far parte anche della Giunta Confederale. E proprio Molinaro sembra essere protagonista di tanti paradossi: per un verso è energico e risoluto nel diffondere il verbo dei documenti programmatici di Coldiretti, per un altro incappa in “incidenti” di cui poco si dice, salvo che in qualche nascosto conciliabolo, e niente soprattutto si scrive.
Partiamo dal più recente e forse meno complicato da spiegare. Tre anni addietro all’interno degli stabilimenti della Cozac, cooperativa di cui Pietro Molinaro è legale rappresentante, i carabinieri del Nas sequestrano importanti quantitativi di carne proveniente dall’Olanda ed il perché è presto detto: nello stabilimento si producono salumi a denominazione di origine protetta e – secondo le norme che disciplinano la produzione Dop – la carne invece deve essere rigorosamente Made in Calabria. Il reato contestato a Molinaro è quello di tentata frode in commercio. Il 3 marzo del 2013 il Tribunale di Cosenza, rigettando la richiesta di riesame e confermando il decreto di sequestro emesso dalla procura bruzia, scrive nero su bianco che i salumi, prodotti con suini olandesi, erano contrassegnati come Dop. La vicenda giudiziaria finisce in Cassazione e la Suprema Corte, il 19 settembre del 2013, respinge il ricorso e condanna Pietro Molinaro qualificando come sintetica ma congrua e tutt’altro che inesistente o apparente la motivazione espressa dai giudici del tribunale cosentino. Nella Cozac, secondo i giudici, «il salume in sequestro, rinvenuto dai Carabinieri nelle celle di stagionatura, anche se privo di etichettatura per ogni singolo pezzo, appariva inequivocabilmente contrassegnato come D.O.P. mentre invece trattavasi di salame prodotto con carne suina proveniente dall’Olanda».
Come può Molinaro, un giorno sì e l’altro pure, lanciare anatemi contro «il furto di identità» delle produzioni agricole invocando a tutto spiano il Made in Calabria? Come può il presidente di Coldiretti Calabria indossare con tanta disinvoltura i panni dell’integerrimo difensore delle produzioni autentiche ed ergersi ad alfiere dell’originalità calabrese? Evidentemente può perché deve aver colto l’essenza (almeno in questo caso) di quel detto contadino secondo cui di fronte alle intemperie è inutile rammaricarsi, è necessario invece mettersi subito al riparo, guardare avanti, pensare ai passi successivi. E a distanza di qualche settimana dalla decisione e dalle dure parole dei giudici della Suprema Corte, infatti, il presidente si prepara per l’evento dell’anno, sul valico del Brennero, dove la Coldiretti nazionale indice una megamanifestazione a difesa del Made in Italy, il 4 e 5 dicembre del 2013.
Ma prima di condurre il suo esercito fin sopra al Brennero non resiste alla tentazione di affidare i suoi buoni propositi alla stampa e spiega in una lettera aperta che «le continue importazioni di prodotti alimentari sono addirittura in crescita nel primo semestre del 2013». E ancora: «Il danno è economico e, soprattutto di immagine, e mette a rischio la credibilità conquistata dai veri prodotti agricoli ed agroalimentari divenuti simbolo del Made in Italy di qualità». Nella stessa lettera – indirizzata ai consorzi di bonifica e con la richiesta di un contributo economico – c’è un passaggio illuminante: scrive Molinaro che «nei primi nove mesi del 2013 sono stati sequestrati beni e prodotti importati per un valore di 335,5 milioni di euro (…) come la carne». Quindi la chiusa: «La nostra Coldiretti attiverà un presidio al valico del Brennero mirato ad intercettare prodotti agricoli ed agroalimentari provenienti da altri Stati e destinati ad essere commercializzati in Italia evocando una italianità acquisita solo dopo gli ultimi processi di lavorazione». Molinaro dunque suonava la carica per “sequestrare” al Brennero ciò che i carabinieri del Nas hanno sequestrato nella sua azienda…

redazione@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x