Ultimo aggiornamento alle 22:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Il Viminale faccia chiarezza sul Comune di Cassano»

CASSANO «L’amministrazione di Cassano allo Jonio non faccia teatro. Non serve a nulla l’aver cacciato il presidente del consiglio comunale, Luigi Garofalo, soltanto a seguito dell’interdittiva anti…

Pubblicato il: 04/10/2016 – 13:48
«Il Viminale faccia chiarezza sul Comune di Cassano»

CASSANO «L’amministrazione di Cassano allo Jonio non faccia teatro. Non serve a nulla l’aver cacciato il presidente del consiglio comunale, Luigi Garofalo, soltanto a seguito dell’interdittiva antimafia che la Prefettura di Cosenza ha emesso nei confronti di una società gestita da suoi parenti e già vincitrice di una gara d’appalto bandita di recente dallo stesso municipio». Lo affermano in una nota i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, che hanno presentato una specifica interrogazione al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, chiedendogli di verificare l’esistenza dei presupposti per l’invio della commissione d’accesso preposta per legge a indagare su possibili fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso o similare. «L’interdittiva in parola – precisano i deputati M5s – è del 10 maggio scorso. Nella deliberazione con cui il Consiglio comunale di Cassano allo Jonio ha tolto la presidenza a Garofalo, si legge che l’appalto vinto dalla società interdetta è stato aggiudicato il 27 giugno scorso, dunque subito dopo l’elezione dell’attuale sindaco, Gianni Papasso. La procedura si è conclusa, si deduce, con mera autocertificazione del vincitore. Da allora vogliamo sapere quali verifiche hanno messo in atto gli uffici e come in proposito si siano comportati la giunta e il consiglio comunale, perché è troppo facile discolparsi politicamente una volta che scoppia il bubbone». «Garofalo, che per quanto si legge sui giornali sarebbe in zona – proseguono i parlamentari – il principale referente politico dell’attuale governatore regionale, Mario Oliverio, ha peraltro parenti ritenuti funzionali all’organizzazione criminale del territorio. Noi vogliamo, dunque, che su Cassano allo Jonio si faccia chiarezza – concludono Nesci e Parentela – una volta per tutte. Le istituzioni di controllo vadano in profondità e accertino se ci sono stati o meno condizionamenti mafiosi del voto e degli uffici amministrativi. Il ministro dell’Interno mandi la commissione d’accesso, che è il vero strumento di tutela del municipio e dei cittadini».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x