Ultimo aggiornamento alle 2:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Guccione «A fianco della Cgil per sostenere il diritto alla salute»

Il consigliere regionale pd annuncia la sua partecipazione all’iniziativa del sindacato di martedì 5 giugno a Cosenza. «Conflittualità dannosa tra Oliverio e Scura»

Pubblicato il: 03/06/2018 – 18:31
Guccione «A fianco della Cgil per sostenere il diritto alla salute»

REGGIO CALABRIA «La manifestazione di martedì 5 giugno è un appuntamento importante per tutta la provincia di Cosenza e non solo. Sarò in piazza a fianco della Cgil e dei cittadini a difesa del diritto alla salute». È quanto afferma il consigliere regionale Carlo Guccione che, in una nota, annuncia di aderire alla mobilitazione provinciale indetta dalla Cgil che si terrà a Cosenza. «La situazione della sanità calabrese – prosegue Guccione – è ormai insostenibile. Bisogna dire basta a questa conflittualità inutile e dannosa che ormai è in atto da tempo tra l’ufficio del commissario ad acta alla sanità e il presidente della Regione Mario Oliverio. Siamo ostaggio di un conflitto istituzionale dai contorni poco chiari che continua ad avere ricadute negative sulla salute della nostra regione. Bisogna creare le condizioni necessarie per poter uscire dal Piano di rientro e dal commissariamento. Due bilanci consecutivi in pareggio e l’innalzamento dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) a quota 160: questo è l’obiettivo da raggiungere per restituire alla Calabria e ai calabresi la possibilità di essere protagonisti del destino della salute della nostra regione». «Le inefficienze, le clientele, le mancate risorse – prosegue ancora Guccione – hanno contribuito ad aggravare, giorno dopo giorno, la situazione. Abbiamo dovuto aspettare oltre due anni di tempo per vedere approvato il Piano attuativo dell’assistenza territoriale dell’Asp di Cosenza. Per non parlare poi della politica degli sprechi. Ci sono voluti anni di battaglie, come denunciai nel 2014 nel dossier sul cimitero delle opere incompiute, per recuperare un patrimonio immobiliare: ventuno strutture calabresi costate 14 milioni di euro, alcune addirittura arredate ma poi abbandonate al degrado più totale e mai entrate in esercizio. Oggi, dopo anni di incuria, la gran parte di quei centri sanitari sono stati riqualificati e restituiti ai cittadini. Bisogna cambiare rotta – conclude Guccione – e credo che la manifestazione sul diritto alla salute promossa dalla Cgil possa rappresentare il punto di inizio di una nuova pagina della sanità calabrese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x