Ultimo aggiornamento alle 9:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Saviano a Salvini: «Codardo, a Rosarno non ha parlato contro i clan»

Durissima risposta dello scrittore dopo le polemiche sulla sua scorta: «In prima fila uomini del clan Pesce. E ha dimenticato anche i legami con le cosche sul riciclaggio»

Pubblicato il: 21/06/2018 – 18:15
Saviano a Salvini: «Codardo, a Rosarno non ha parlato contro i clan»

ROMA La giornata era iniziata con le polemiche sull’eventualità che il ministro dell’Interno Salvini premesse per la revoca della scorta allo scrittore Roberto Saviano. Poi è andata avanti tra precisazioni e botta e risposta. Fino al botto finale: un video in cui l’autore di Gomorra accusa il leader della Lega di essere un «codardo» e di non aver parlato di ‘ndrangheta quando avrebbe potuto, cioè nel corso di un comizio a Rosarno.
Salvini, dopo aver fatto più volte riferimenti sprezzanti alle tutele disposte per Saviano, in mattinata ha spiegato: «Non spetta a me questa scelta. Chi di competenza valuterà, dico solo che, slegato dalla fattispecie singola, l’Italia ha il record europeo dei servizi di scorta e vigilanza. Non dipendono da me le scelte in base alla simpatia o l’antipatia: ci sono organismi delegati. Andremo a verificare tutti i servizi di vigilanza sono quasi 600 e occupano circa 2000 forze dell’ordine: molti di questi sono giustificati magari c’è qualcuno che potrebbe essere rivisto perché 2mila uomini impiegati non hanno uguali negli altri Paesi europei», ha concluso. «L’ultima cosa che mi interessa è Saviano, con tutto il rispetto».
Lo scrittore ha risposto nel pomeriggio con un video su Facebook: «Salvini – ha detto – oggi è definibile “ministro della malavita”, espressione coniata da Gaetano Salvemini. Salvini è stato eletto in Calabria, durante un suo comizio a Rosarno tra le prime file c’erano uomini della famiglia Pesce, storica famiglia di ‘ndrangheta, affiliati alla famiglia Bellocco, potentissima organizzazione di narcotrafficanti. E lui non ha detto niente, da codardo non ha detto niente contro la ‘ndrangheta. Ha detto che Rosarno è conosciuta al mondo per la baraccopoli. Non si ricorda dei legami tra la Lega Nord e la ‘ndrangheta, del riciclaggio dei soldi, tramite mediazione di ‘ndrangheta, della Lega Nord».
https://www.facebook.com/RobertoSavianoFanpage/videos/10155679630941864/

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x