Ultimo aggiornamento alle 22:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Sila patrimonio Unesco, Corrado: «Occorrono vincoli stringenti sull'area»

La senatrice 5 Stelle ha chiesto al ministero dei Beni culturali di prevedere specifiche tutele per la zona del Parco: «Premessa indispensabile per qualsiasi interventi di salvaguardia»

Pubblicato il: 26/04/2019 – 11:43
Sila patrimonio Unesco, Corrado: «Occorrono vincoli stringenti sull'area»

COSENZA «Eccessiva antropizzazione, abusivismo edilizio, taglio indiscriminato di alberi per alimentare centrali a biomasse sono alcune tra le cause del puntuale naufragio della candidatura della Sila a patrimonio Unesco, con buona pace dei narratori di favole a lieto fine che escono dal letargo nell’imminenza di ogni appuntamento elettorale». Lo afferma la senatrice del M5s Margherita Corrado. «Finché dette condizioni di criticità non saranno superate – prosegue – ogni ambizione ad ottenere l’ambito riconoscimento è destinata ad infrangersi. Si trascura spesso, però, il fatto che tra gli altri strumenti di tutela dell’altopiano, il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio mette a disposizione il vincolo archeologico ex art. 142 comma 1 lettera m, che si applica non a singoli luoghi ma a zone anche molto vaste punteggiate di siti di interesse archeologico».
«Ebbene, ai laghi Ampollino, Arvo e Cecita – afferma ancora la senatrice 5 Stelle – corrispondono altrettante aree di frequentazione antropica remota che, se nel secondo caso è solo preistorica, negli altri due spazia dalla Preistoria al Medioevo. Gli archivi del ministero per i Beni e le Attività Culturali contengono tali e tanti dati, al riguardo, che in passato la Soprintendenza Abap sembrava essere sul punto di emanare i vincoli suddetti».
«Lo stesso vale, spostandoci verso lo Ionio – sottolinea – per certe aree del Crotonese come la fascia sub-costiera delle colline che corrono da Carrara a Campione. Ho scritto alla direzione generale del ministero Beni Culturali per chiedere che analizzi i casi sopra citati alla luce della documentazione disponibile e quello più puntuale di Piano di S. Biagio (Crotone), allo scopo di valutare l’attivazione o la ri-attivazione delle relative istruttorie di vincolo». «Le azioni di tutela dei beni pubblici, infatti – conclude Margherita Corrado – oltre a suscitare o accentuare la consapevolezza dell’importanza del patrimonio culturale da parte della comunità locale, sono la premessa indispensabile per qualsiasi intervento di valorizzazione, altrimenti depotenziato ab origine».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x