Ultimo aggiornamento alle 23:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

«Reperti archeologici negli scavi della metro di Catanzaro»

Dopo il ritrovamento nel corso dei lavori a Santa Maria, Cardamone annuncia le intenzioni del Comune: «Il March sarà il luogo più adatto per ospitare queste opere antiche che raccontano un pezzo di…

Pubblicato il: 30/04/2019 – 17:49
«Reperti archeologici negli scavi della metro di Catanzaro»

CATANZARO «Il sottosuolo di Catanzaro custodisce tuttora un patrimonio di carattere storico e archeologico di inestimabile valore ed in gran parte inesplorato. Sono una riprova i reperti archeologici rinvenuti a Germaneto, nel corso degli scavi della Cittadella regionale, al Sansinato e, notizia più recente, anche durante gli scavi della nuova metropolitana a Santa Maria. Un autentico tesoro che appartiene al Capoluogo di regione e che merita di trovare un’opportuna collocazione nell’ambito della rete museale del territorio».
Lo ha detto l’assessore alla cultura Ivan Cardamone nell’evidenziare, a margine di un sopralluogo tenutosi ieri nei depositi della Soprintendenza a Lamezia Terne, che l’amministrazione comunale ha avviato l’iter finalizzato al recupero di una serie di antichi manufatti rinvenuti, nel corso del tempo, nel territorio di Catanzaro e che fino ad ora non sono mai stati esposti in città. «A tal fine – commenta – è stata avviata un’interlocuzione con la Soprintendenza Archeologica, Belle arti e Paesaggio diretta da Mario Pagano, e con il Polo museale della Calabria guidato da Antonella Cucciniello. Grazie alla sinergia con la Provincia e la 4Culture, questi reperti potranno trovare spazio all’interno del Museo archeologico (March) di villa Margherita. La valorizzazione di questi ritrovamenti risalenti a diversi secoli fa è un obiettivo che ci siamo prefissi nell’ambito del potenziamento della rete e dell’intera offerta museale catanzarese. Anche la Soprintendenza ha espresso il vivo compiacimento per l’intento di esporre ulteriori reperti archeologici al March, ribadendo la necessità che per movimentare i manufatti siano disponibili spazi adeguati e congrui e venga salvaguardata l’unitarietà dei contesti archeologici sulla base di un progetto scientifico di esposizione e allestimento. Sono certo che il March sarà il luogo più adatto per ospitare queste opere antiche che raccontano un pezzo di storia della nostra città».
In particolare potranno trovare spazio i materiali rivenuti nello scavo di Germaneto e appartenenti ai contesti dell’edificio greco, della villa romana e della struttura di età preistorica. «È un’operazione di recupero molto importante – ha precisato Ivan Cardamone – e l’auspicio è che gli enti preposti, soprattutto per queste nuove scoperte nel quartiere Santa Maria, qualora ne venisse riconosciuto l’interesse archeologico, possano dare seguito al dialogo avviato con l’amministrazione comunale al fine di porre le basi di un progetto espositivo. Ciò consentirà al Capoluogo di ospitare in forma permanente i reperti archeologici rinvenuti nel proprio territorio così da arricchire in modo sostanziale la propria offerta culturale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x