sabato, 06 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 0:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 11 minuti
Cambia colore:
 

Il Festival d’Autunno si ispira ai cantautori

Da settembre a novembre la rassegna ospiterà Luca Carboni, Carmen Consoli, Mogol, Ron, Cristiano De Andrè

Pubblicato il: 25/07/2019 – 18:22
Il Festival d’Autunno si ispira ai cantautori

di Maria Rita Galati
CATANZARO Luca Carboni, Carmen Consoli, Mogol, Ron, Cristiano De Andrè, da settembre a novembre pronti a sfilare nei contenitori culturali di una città che ha imparato a fare rete. Quando nel turismo e nella cultura, figuriamoci nel turismo culturale, come volano di sviluppo si credeva poco o niente, una bella musicista con tanto coraggio e molta competenza, sfidava la sorte e le regole del gioco richiamando alla responsabilità tanto gli Enti locali che gli investitori privati per fare del centro storico di Catanzaro un motore attrattivo di economia, attraverso la buona cultura. Quel festival targato “Donne in arte”, creato dal direttore artistico Tonia Santacroce, arriva alla VXII edizione, crescendo in maniera esponenziale in prestigio e offerta culturale, diventando riferimento nel panorama nazionale e internazionale, facendo del cuore di Catanzaro un polo attrattivo per il resto del Paese, tanto da essere finanziato dalla Regione Calabria con i fondi della misura di un bando triennale per gli eventi storicizzato. “Un motivo di orgoglio”, rimarca il presidente della Provincia e sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, al fianco del direttore artistico Santacroce, dell’assessore al Turismo Alessandra Lobello, del direttore della Camera di Commercio Maurizio Ferrara, del vice sindaco e assessore alla Cultura Ivan Cardamone e del direttore amministrativo dell’Assessorato regionale alla Cultura, Salvatore Bullotta, nel corso della conferenza stampa di presentazione del cartellone, nella Sala Giunta di Palazzo di Vetro.
Lo spirito della kermesse “Cantautori & dintorni. L’irriducibile forza delle parole” nasce dalla partecipazione al Festival del Libro di Torino, dove a maggio scorso è stato presentato il documentario sulla Calabria bizantina prodotto dal Festival D’Autunno.
L’IMPORTANZA DELLA PAROLA «L’idea di dedicare il cartellone di questa edizione del ‘Festiva d’Autunno’ alla parola, idea nata al Salone internazionale del Libro per un’impressionante mole di volumi che mi ha spinto a riflettere sull’importanza che ancora oggi, nonostante sia l’epoca del predominio dell’immagine, rivestono le parole e su quanto sia importante scegliere le parole giuste per relazionarsi per le persone. La parola poi – ha rilevato il direttore artistico della rassegna – ha un legame indissolubile con la musica: entrambe possono vivere in autonomia, m quando si incontrano danno vita a veri capolavori di cui la nostra tradizione è ricca”.
“La parola ha un legame indissolubile con la musica e i nostri cantautori ne sono l’esempio più nitido. Ho ideato un cartellone con artisti che con i loro testi, sottolineati dalla potenza delle sette note, riescono a comunicare emozioni, conflitti, stati d’animo – spiega ancora Santacroce – fotografando la loro epoca e trasmettendola ai posteri. Proprio per questo accanto a cantautori attuali della scena nazionale ci saranno anche concerti-tributo dedicati a grandi artisti venuti a mancare, che ancora oggi sono più attuali che mai, continuando ancora a emozionare e a farci riflettere anche a distanza di tanti anni. Musica e parole senza tempo potrebbe essere un sottotitolo esplicativo della rassegna».
L’ORGOGLIO DEL SINDACO CHE PARLA ANCHE DI SETTEMBRE AL PARCO «Devo ringraziare Antonietta Santacroce – ha dichiarato Sergio Abramo – per il bellissimo lavoro fatto in questi anni. Siamo orgogliosi di dire che la nostra città è effervescente dal punto di vista culturale, la cui crescita avviene con una attenta programmazione creando un indotto turistico sempre maggiore. Bisogna dare atto alla Regione dell’impegno e dell’attenzione rivolto alla nostra città, l’assessore Corigliano è sempre presente e se non fosse stata in Giunta sarebbe stata qui anche oggi. E’ un momento importante, in cui gli Enti sono uniti e io credo tantissimo  per la crescita culturale del capoluogo. E’ un risultato ottenuto da tutti i catanzaresi e non dal sindaco”. Abramo parla anche di un’altra manifestazione molto cara ai catanzaresi, in capo alla Provincia che parteciperà al bando per gli eventi pubblicato in questi giorni dalla Regione. “Settembre al Parco”. “Speriamo di essere all’altezza  di continuare il lavoro delle amministrazioni precedenti che hanno prodotto manifestazioni di qualità, quello che cerchiamo di fare è sempre e solo migliorare».  L’auspicio di Abramo, infine, è quello che grazie alla sinergia e alla collaborazione di arrivi presto a far decollare il Polo delle Arti, prima di tutto con la istituzionalizzazione del Conservatorio, vivace e produttivo grazie all’Istituto di studi musicali Tchaikovsky che sarà ospitato nell’istituto Stella.
GLI ALTRI INTERVENTI Cultura e turismo, finalmente, vanno a braccetto per catalizzare l’attenzione di appassionati e cultori oltre il confine catanzarese. E di sinergia ha parlato anche l’assessore al Turismo Alessandra Lobello. «Quello che stiamo cercando di comunicare è che il lavoro è stato quello di  creare una rete importante con la consapevolezza di non fare  spese pazze. Il turismo culturale è uno dei perni centrali per la nostra  città avendo un’offerta culturale importante. Negli anni abbiamo sofferto della mancanza di comunicazione, è mancata la rete, ma oggi stiamo recuperando anche investendo bene i proventi della tassa di soggiorno inizialmente contestata».
«Siamo molto contenti – ha aggiunto Salvatore Bulotta portando il saluto dell’assessore Corigliano – della qualità di questo cartellone. E’ per noi un motivo di soddisfazione condividere l’esperienza di essere a fianco di questo Festival che è ormai un punto fermo della programmazione culturale calabrese. E’ importante che il Festival faccia riflettere al di là degli eventi spettacolari. La parola è il veicolo fondamentale per qualsiasi cosa nella nostra vita e quindi mi complimento per la scelta. Proporre eventi di cultura per la valorizzazione dei beni della città: è il Festival del centro storico».
Sulla stessa lunghezza d’onda della collega Lobello, il vice sindaco Ivan Cardamone che ha rimarcato l’importanza della collaborazione di soggetti privati nella realizzazione degli eventi culturali. «Abbiamo raggiunto una bella sintonia con il Festival d’Autunno, migliorando anche l’impegno dell’Amministrazione comunale – ha detto nello stare vicino a questo evento perché a usufruirne è tutta la città di Catanzaro». Infine, Maurizio Ferrara ha messo in risalto il rapporto instauratosi con il Festival d’Autunno: «La Camera di Commercio ha appoggiato il  Festival d’Autunno sin dalla sua prima edizione, sostenendo questa idea del rapporto tra turismo, cultura ed economia. Siamo felici che il Festival ogni anno dia importanti segnali di crescita, diventando un punto di riferimento per tutta la Calabria».
IL CALENDARIO DEGLI EVENTI Si parte il 14 settembre con la rassegna “Woodstock: 50 anni di pace, amore e musica” (a ingresso gratuito), in cui racconti, suoni e visioni saranno al centro della celebrazione del 50° anniversario di un evento storico che ha segnato un’epoca. Il festival più famoso della storia vivrà attraverso i racconti, gli aneddoti e i filmati di Ezio Guaitamacchi, critico musicale, autore e conduttore radio/televisivo, musicista, docente, performer e storyteller. Accanto a lui a interpretare alcuni brani epocali la passionale vocalist Brunella Boschetti Venturi e la speciale partecipazione della cantautrice Andrea Mirò.
A seguire Luca Carboni (28 settembre), che proprio nella città dei Tre Colli concluderà il suo Sputnik Tour, con uno show impreziosito anche da effetti speciali, luci multicolor e laser. Un viaggio attraverso le hit più famose di una carriera straordinaria che hanno fatto sognare e divertire svariate generazioni e i suoi successi più recenti come Mare mare, Una grande festa, Fragole buone buone, Vieni a vivere con me, Farfallina, Silvia lo sai e Inno Nazionale.
A rappresentare il mondo femminile sarà la “cantantessa” Carmen Consoli (5 ottobre). L’eclettica ed estrosa musicista siciliana eseguirà il suo canzoniere con nuove folgoranti letture dei brani più conosciuti e amati dai fan che possono essere considerati oramai dei classici, tra i quali non mancheranno Amore di plastica, Parole di burro, Mandaci una cartolina e L’ultimo bacio.
Lucio Dalla e Fabrizio De Andrè, figure simbolo del cantautorato italiano, la cui importanza è tale da essere considerata seminale per la nostra discografia, rivivranno nei tributi di Ron (12 ottobre) e Cristiano De Andrè (31 ottobre). Due grandi eventi significativi a dimostrazione di come la grande musica travalichi le epoche, restando sempre attuale e coinvolgente.
Coautore di molti brani di Lucio Dalla, Ron toccherà le corde del cuore eseguendo alcune “perle” come Il cielo, Futura, Se io fossi un angelo, Piazza Grande e Quale allegria. Cristiano De Andrè omaggerà il padre con la rilettura, nella prima parte del concerto, di uno degli album più importanti di Faber Storia di un impiegato, e nella seconda parte di brani-simbolo come Amore che vieni amore che vai, Quello che non ho, Fiume Sand Creek, Creuza de mä e Il pescatore.
Un intero week end sarà dedicato a Lucio Dalla con la masterclass che Ron terrà, prima del concerto (12 ottobre), nel Piccolo del Politeama e con la proiezione, nella sala della Biblioteca “De Nobili” di Catanzaro, del film “Senza Lucio”(11ottobre), di Mario Sesti, nel quale viene narrata la storia dell’artista  bolognese attraverso le parole e le immagini di amici, collaboratori e illustri colleghi.
La conclusione del Festival d’Autunno è affidata al maggiore autore italiano: Mogol (8 novembre). Personaggio che ha molto inciso nel panorama della musica italiana con i suoi testi intramontabili, racconterà il suo lungo e celebre sodalizio con Lucio Battisti nello spettacolo Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti , accompagnato da una orchestra di 16 elementi e da Gianmarco Carroccia, cantante che da anni si dedica a questo repertorio riproponendolo con una straordinaria somiglianza sia vocale che fisica. A 20 anni dalla morte del cantante di Poggio Bustone, Mogol svelerà al pubblico aneddoti e curiosità della sua carriera e la genesi e la storia di canzoni intramontabili come Mi ritorni in mente, La Collina dei Ciliegi, Il mio canto libero e Il tempo di morire
“L’irriducibile forza delle parole” è al centro anche dei numerosi eventi culturali, dislocati in vari luoghi storici della Città, ai quali parteciperanno molti esperti che arricchiranno il cartellone principale del Festival d’Autunno, soffermandosi sul ruolo della parola nei vari settori in cui è protagonista: la musica, la poesia, la comunicazione, la radio e la fede.
Si comincerà il 21 settembre in Villa Margherita con il critico musicale, scrittore e saggista Paolo Talanca e il suo viaggio nella storia della musica d’autore italiana, dalla scuola genovese a Brunori SAS, impreziosito dalle interpretazioni di alcuni giovani cantanti calabresi.
Le parole saranno ancora protagoniste il 30 settembre, nella suggestiva cornice del Museo Marca, di “Ma rimane il canto…” reading di poesia e musica, con le suggestive liriche di Pietro Santacroce, medico e poeta, nel decennale della sua scomparsa. “Le parole dell’informazione” è invece il titolo della tavola rotonda che, nella Casa delle Culture il 19 ottobre, vedrà confrontarsi direttori di giornali, editori e giornalisti sul ruolo del cronista e sui cambiamenti nell’epoca post-internet.
Mercoledì 23 ottobre ospite del Festival sarà Gianfranco Valenti, autore e conduttore RAI Radio 2 e docente di “Tecniche dell’intrattenimento radiofonico” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. “Il ritorno della radio parlata” è il titolo di questo appuntamento che, nel Museo del Rock, analizzerà il successo di un mezzo di comunicazione, la radio appunto, sopravvissuto alla rivoluzione della televisione prima e di internet poi.
Parlare di Dio ai giovani è possibile? E con quali parole ci si può avvicinare alla fede? Parole e fede da sempre sono un binomio inscindibile. Sabato 8 novembre nel corso dell’appuntamento che si svolgerà nella Sala del Complesso Monumentale “San Giovanni” “Le parole della fede e i giovani” sarà Pippo Corigliano, giornalista e scrittore di successo per Mondadori, a cercare di rendere attraente e stimolante il progetto di una vita coraggiosa e impegnata, in un’epoca segnata da indifferenza, egoismo e  paura.
Sempre nella stessa sala, il 15 novembre, è fissato l’evento conclusivo del cartellone, dal titolo “Da dove nascono le parole: la scatola magica”. Si tratta di una lezione interattiva che terrà il prof Antonio Cerasa, docente dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, ricercatore del Cnr, autore di oltre 100 pubblicazioni, che si occupa di vari campi delle neuroscienze. Il festival,  dopo i vari incontri che declinano la parola nei diversi settori in cui essa trova applicazione, si concluderà infatti con una lezione interattiva su come e dove nascono le parole. Lo scienziato ci condurrà all’interno del nostro cervello per aiutarci a comprendere la genesi del linguaggio e tutto ciò che può limitarlo o potenziarlo, anche alla luce delle più recenti scoperte, come l’intelligenza artificiale. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb