Ultimo aggiornamento alle 20:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

'Ndrangheta: dal carcere ai domiciliari presunto boss di Vibo

Decisione del gip di Catanzaro per il 79enne Domenico Camillò, arrestato nell’operazione Rinascita. Per il pentito Arena avrebbe rapporti con i Bellocco. Misura affievolita per le sue condizioni di…

Pubblicato il: 16/04/2020 – 19:33
'Ndrangheta: dal carcere ai domiciliari presunto boss di Vibo

VIBO VALENTIA Il gip di Catanzaro accogliendo, l’istanza degli avvocati Francesco Sabatino e Walter Franzè ha disposto la scarcerazione di Domenico Camillò, 79 anni, di Vibo, detenuto a Caltanissetta, applicando gli arresti domiciliari. L’uomo era stato tratto in arresto all’alba del 19 dicembre nell’operazione “Rinascita-Scott” in quanto ritenuto il reggente della ‘ndrina dei Pardea-Camillo’ operante nella città di Vibo Valentia.
Secondo le dichiarazioni del collaboratore Bartolomeo Arena, Camillò è il massimo esponente della ‘ndrangheta a Vibo Valentia vantando rapporti con i Bellocco e con il capo-crimine Mico Oppedisano di Rosarno, essendo tra i promotori della nuova Locale costituita a Vibo Valentia nel 2012. Gli avvocati Sabatino e Franzè hanno rappresentato al magistrato che le attuali condizioni di salute del Camillo’ fossero idonee a superare l’originaria valutazione del gip che, nell’applicare la misura, aveva ravvisato eccezionali esigenze cautelari rimaste in atto fino ad oggi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb