Ultimo aggiornamento alle 23:50
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Catanzaro, i due pazienti lombardi dimessi: «Grazie di tutto, ritorneremo in Calabria» – VIDEO

Il saluto commosso dei due degenti affetti da Covid-19 usciti ieri dal Pugliese-Ciaccio e la promessa di tornare nella nostra regione, ma in vacanza. Il primario Cosco: «La Calabria ha dato prova d…

Pubblicato il: 20/04/2020 – 13:04
Catanzaro, i due pazienti lombardi dimessi: «Grazie di tutto, ritorneremo in Calabria» – VIDEO

CATANZARO Una storia a lieto fine e che unisce, non solo idealmente, due territori lungo un filo sottile fatto di cure, assistenza e solidarietà. I due pazienti lombardi affetti da coronavirus, arrivati a Lamezia lo scorso 19 marzo e dimessi ieri dal “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, sono il manifesto migliore della sanità calabrese che funziona. Già perché al netto delle carenze strutturali e un’organizzazione troppo spesso sommaria, la nostra regione è in grado di esprimere esempi di eccellenza.
I RINGRAZIAMENTI Un concetto che si potrebbe facilmente racchiudere nelle loro parole e nella felicità dei due pazienti all’uscita del nosocomio del capoluogo: «Voglio ringraziare – ha detto la prima paziente – il reparto di Rianimazione, quello Covid, i medici, gli infermieri, i capoarea, i fisioterapisti, gli oss e anche le signore che fanno le pulizie. Sono stati tutti sempre molto carini, gentili, cortesi e anche molto affettuosi con noi. Due mesi da soli in una stanza è davvero pesante! Ora vado in un centro di riabilitazione ma spero di tornare qui con i miei figli, intanto mi godo già questa giornata di sole». La gioia, dunque, di chi ha combattuto strenuamente e ha vinto la sua battaglia, durata poco più di un mese, contro un virus ancora “sconosciuto” e che ha fatto migliaia di vittime nel mondo. «Ringrazio tutto la staff medico di Catanzaro – ha detto il secondo paziente – che mi ha assistito in maniera perfetta, anche dal punto di vista affettivo. Ho imparato a mangiare la soppressata, forse è anche per questo che sono guarito. Sono già stato qui in vacanza un paio di volte, sicuramente tornerò qui a salutare tutti».

L’ESEMPIO DEL PUGLIESE-CIACCIO Particolarmente soddisfatto anche Lucio Cosco, direttore del reparto di “Malattie infettive” del Pugliese-Ciaccio: «Sono davvero orgoglioso a nome di tutto l’ospedale e dell’intera regione che finalmente ha dato prova di quanto vale la nostra sanità. Qui ci sono persone valide e che sanno fare il loro lavoro». «Siamo stati fortunati – ha detto ancora Cosco – perché abbiamo chiuso i confini e attuato le procedure di distanziamento sociale appena è arrivato il virus in Calabria e siamo riusciti a frenare i contagi. E poi la gestione clinica e territoriale credo sia stata ottimale». «Per il futuro – ha detto Cosco in conclusione – non so cosa dire con certezza ma credo che bisogna aspettare il vaccino anche perché sono certo che il virus continuerà a girare anche se non in forma epidemica. Nei prossimi mesi, dunque, dovremo in ogni caso mantenere queste forme di distanziamento sociale». (gi. cu.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x