Ultimo aggiornamento alle 22:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Mascherine, Cisl: «Il sindaco Falcomatà si dimentica della Polizia locale»

I dispositivi di protezione individuale acquistati dal Comune di Reggio Calabria non sono stati consegnati ai vigili urbani

Pubblicato il: 28/04/2020 – 16:43
Mascherine, Cisl: «Il sindaco Falcomatà si dimentica della Polizia locale»

REGGIO CALABRIA «Ancora una volta il sindaco Giuseppe Falcomatà si dimentica della Polizia Locale». E’ quanto affermano il coordinatore regionale Polizie Locali Cisl Fp Calabria, Giuseppe Falcone, e il segretario generale Cisl Fp Reggio Calabria, Vincenzo Sera, che in una nota stampa denunciano quella che definiscono una “grave inadempienza” del primo cittadino in merito ai dispositivi di protezione individuale da fornire in dotazione alla polizia locale.
Con determina n.720 del 08/04/2020 pubblicata sul sito del Comune di Reggio Calabria il 10 aprile scorso, sono stati acquistati dei “dpi” (mascherine chirurgiche, mascherine FFP2, guanti medicali in nitrile, tute di protezione individuale monouso in TNT), per un importo di diecimila euro (somme facenti parte del fondo di mutuo soccorso alimentato da donazioni e atti di liberalità di privati per la gestione dell’emergenza Covid-19), da fornire ai dipendenti comunali (tra i quali la Polizia Municipale) e al gruppo di Protezione civile comunale per fronteggiare l’emergenza sanitaria durante le loro attività lavorative.
DPI ARRIVATI MA NON CONSEGNATI Tuttavia, denuncia la Segreteria generale Cisl Fp di Reggio Calabria e il Coordinamento Regionale Polizie Locali Cisl FP Calabria, a tutt’oggi tali dispositivi, benché già nella disponibilità dell’Amministrazione, non sarebbero stati consegnati ai dipendenti «nonostante il Sindaco, come pubblicizzato in uno dei suoi tanti video pubblicati sul profilo Facebook, li abbia distribuito ad altri lavoratori non dell’Ente (pur meritevoli di tutela, sia inteso), nonché, sembrerebbe pure, ad alcuni cittadini, parte dei dpi acquistati dall’Amministrazione Comunale».
In questa fase emergenziale l’Amministrazione avrebbe dovuto, da legge (D.lgs. 81/2008) nonché da disposizioni vigenti in materia di tutela dei lavoratori impegnati a contrastare la diffusione nel Paese del virus covid-19, assegnare i relativi disposizioni di protezione individuale, con frequenza quasi giornaliera, mascherine, guanti ed eventualmente tute monouso in caso di operazioni quali T.S.O., «ma i lavoratori – affermano Falcone e Sera – a causa dell’atavico disinteresse per il Settore della Polizia Locale da parte dell’Ente, sono stati costretti a provvedere all’acquisto a spese proprie e anche a prezzi purtroppo esorbitanti di tali dpi, anche on line, e a ricevere un certo numero di mascherine da parte di imprenditori privati, cui va il ringraziamento dei dipendenti e dell’organizzazione sindacale».
“OMAGGIO DEL SINDACO” La Cisl Fp mette sotto accusa anche un video diffuso dal sindaco nel quale consegna le mascherine a privati cittadini affermando «queste ve le regala il sindaco», il sindacato si interroga sulla provenienza di quelle mascherine: «Visualizzando i vari video del primo cittadino in cui lo si vede girare per le strade distribuendo mascherine ai cittadini, definendole un “omaggio del sindaco”, ci si chiede, “saranno forse le famose mascherine acquistate con la suddetta determina e che dovevano essere destinate ai lavoratori?”, se così fosse, ricordiamo che quei soldi “pubblici” erano vincolati, e servivano a fornire i lavoratori dell’Ente dei dpi».
Il sindacato, pertanto chiede al sindaco Falcomatà di voler indicare i motivi della mancata consegna di tali dispositivi agli appartenenti alla Polizia Locale che quotidianamente sono impegnati sul campo per affrontare l’emergenza da Covid19 a rischio della loro salute, e altresì, di fornire con urgenza ai dipendenti della Polizia Locale i necessari dispositivi di protezione acquistati (mascherine chirurgiche, mascherine FFP2, guanti in nitrile e tute monouso), «dato peraltro che la Cisl FP ha inviato all’Amministrazione più e più volte lettere per mettere in atto tutte le tutele necessarie per la salute dei lavoratori».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb