Ultimo aggiornamento alle 10:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Violenza su minore alla stazione di Vaglio Lise, pena per Mazzei confermata in appello

Anche per i giudici di secondo grado il 40 è ritenuto responsabile degli episodi che si sono consumati allo scalo ferroviario di Cosenza. L’uomo dovrà scontare la pena di 5 anni e 8 mesi

Pubblicato il: 22/06/2020 – 16:31
Violenza su minore alla stazione di Vaglio Lise, pena per Mazzei confermata in appello

CATANZARO La Corte d’Appello del Tribunale di Catanzaro presieduta dal giudice Giancarlo Bianchi, con a latere i colleghi Adriana Pezzo e Giovanni Mastroianna ha confermato la condanna a 5 anni e 8 mesi inflitta a Francesco Mazzei nel novembre del 2019 dal tribunale di Cosenza (qui la notizia). Al termine delle indagini, l’uomo di 40 anni, venne tratto in arresto e accusato di sequestro di persona, violenza sessuale su minore e rapina. I giudici hanno lo hanno ritenuto responsabile per i primi due reati, assolvendolo invece per il terzo. La vicenda che lo vede coinvolto nel procedimento giudiziario nasce dalla denuncia di una minorenne che ai carabinieri del capoluogo Bruzio ha raccontato di essere stata violentata nelle stanze sottostanti la stazione dello scalo ferroviario di Vaglio Lise. La vittima si trovava alla stazione ferroviaria cosentina in compagnia di un suo amico ed entrambi, prima di essere adescati da Mazzei, stavano aspettando il convoglio ferroviario per raggiungere la città di Paola. Sulla vicenda circa i mancati controlli alla stazione ferroviaria il giorno in cui sono stati commessi i reati, nelle scorse settimane (qui la notizia) si era appreso che con una nota la polizia ferroviaria di Reggio Calabria aveva comunicato alla procura di Cosenza che gli agenti che sarebbero dovuti essere in servizio in realtà erano impegnati altrove sempre per necessità e disposizioni di polizia. Su questo episodio, Chiara Penna, avvocato difensore della vittima che si è costituita parte civile, opponendosi al decreto di archiviazione hanno chiesto che si facciano ulteriori e approfondite indagini. (mi.pr.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x