sabato, 06 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 0:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Non ci sono più alibi, governo e politica puntino sul porto di Gioia Tauro»

Il segretario regionale della Uil: «I dati sull’incremento di movimentazione dei container ci danno ragione, abbiamo fatto bene a non firmare un accordo al ribasso. Il ministro Provenzano avvii il …

Pubblicato il: 03/08/2020 – 12:05
«Non ci sono più alibi, governo e politica puntino sul porto di Gioia Tauro»

CATANZARO «Il governo e la politica non hanno più alibi: bisogna puntare con convinzione» sul porto di Gioia Tauro. A dirlo, il segretario generale della Uil Calabria, Santo Biondo. «I dati sull’incremento di movimentazione di container a Gioia Tauro – sostiene Biondo – dimostrano che avevamo ragione quando, come Uil e Uiltrasporti, non firmammo un accordo che portava con sé una sensibile riduzione di personale e un drastico ridimensionamento delle prospettive di sviluppo economico e produttivo dell’hub portuale gioiese. Quell’accordo era un accordo capestro, ingannevole, che metteva in campo politiche di forte penalizzazione del porto. Per questo, continuamente e in solitudine, decidemmo di rompere le relazioni industriali con Mct. La crescita registrata ufficialmente in questi giorni, dimostra come in quella fase la nostra posizione sindacale non fosse assurda, fuori tempo o penalizzante».
«Oggi – prosegue il segretario della Uil Calabria – grazie alla nostra perseveranza, i lavoratori transitati temporaneamente fra le fila dell’Agenzia per il lavoro portuale ritrovano la speranza di un’occupazione certa». Secondo Biondo, «adesso il Governo e la politica non hanno più alibi. Bisogna puntare con convinzione su Gioia Tauro, renderlo effettivamente lo scalo centrale dell’area del Mediterraneo, trasformarlo nella dinamo di uno sviluppo economico e sociale che la Calabria attende da troppo tempo. E a Msc diciamo: si apra al confronto con il sindacato, affinché la crescita del traffico merci su Gioia Tauro, si possa tradurre in una crescita del benessere lavorativo per i lavoratori e, in un maggiore sviluppo produttivo e occupazionale per la Calabria».
«Oggi, sostenuti dai risultati concreti fatti registrare dal porto di Gioia Tauro e dalle nostre idee, rinnoviamo al ministro Giuseppe Provenzano – conclude il segretario generale della Uil Calabria – l’invito ad aprire con prontezza il confronto sulla reale applicazione della Zona economica speciale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb