Ultimo aggiornamento alle 15:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Super donazione per i detenuti di Crotone, inviate oltre 2mila mascherine

Dopo l’appello del Garante comunale sulle gravi condizioni delle persone private della libertà personale durante l’emergenza Covid, la società civile risponde con una fornitura record di dpi

Pubblicato il: 17/11/2020 – 12:56
Super donazione per i detenuti di Crotone, inviate oltre 2mila mascherine

CROTONE Anche questa volta la generosità dei crotonesi non si è fatta attendere! Risposta positiva, al di là delle aspettative, da parte della società civile all’appello del Garante comunale, l’avvocato Federico Ferraro, sulla necessità di invio ai detenuti di Crotone di strumenti di protezione individuale anticovid -19.
In seguito alla comunicazione pubblica lanciata da Federico Ferraro nei giorni scorsi, si sono susseguite ben tre donazioni da parte di privati cittadini e associazioni. Le consegne sono state effettuate alla presenza oltre del Garante comunale anche della Direttrice del Carcere Caterina Arrotta, della Comandante della Polizia Penitenziaria Manon Giannelli e del Vice Comandante Francesco Tisci.
Lunedì 9 novembre, sono state consegnate le prime 150 mascherine per detenuti, tramite una donazione effettuata del Sig. Aurelio Capogreco; lunedì 16 novembre sono state portate altre 1.500 mascherine anti contagio, questa volta ad opera dalla Caiservice Group nelle persone dei dott. Cesare e Mario Spanò; ed infine oggi 17 novembre, il Lions Club Crotone Host ha effettuato la consegna di altre 250 mascherine, 200 paia di guanti, 4 spray igienizzanti per superfici e ben 25 litri di igienizzante per le mani, tramite il Presidente del Club dott. Franco Palermo e la avv.ssa Segretaria Tiziana Paletta. «Tali gesti di solidarietà – si legge nella nota diffusa dal Garante – sono particolarmente significativi poiché consentono di dare risposte concrete e fattuali alla popolazione detenuta, andando incontro alle necessità primarie quali, prima fra tutte, la tutela della salute, diritto costituzionalmente garantito dalla nostra carta fondamentale all’art 32:“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” . Tale diritto non è solo dell’individuo ma attiene alla sfera collettiva, infatti nel caso di specie attraverso le dotazioni dei dispositivi di profilassi, viene assicurata la tutela di tutti colori i quali operano nella Casa circondariale di Crotone: dalla Polizia Penitenziaria ai funzionari D.a.p. , dai familiari dei detenuti alle persone recluse».
Il totale delle dotazioni ammonta a ben 2.100 dispositivi di protezione tra mascherine e guanti, oltre il liquido igienizzante per mani e superfici. «Nell’esprimere grande soddisfazione per la missione compiuta – scrive Federico Ferraro – mi congratulo con i donatori che hanno risposto con grande generosità all’appello».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x