Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

"Farmabusiness", obbligo di firma per Domenico Grande Aracri

E’ il fratello del boss di CUtro, Nicolino Grande Aracri. Su di lui pende l’accusa di trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo mafioso

Pubblicato il: 01/12/2020 – 22:01
"Farmabusiness", obbligo di firma per Domenico Grande Aracri

CATANZARO La misura degli arresti domiciliari è stata sostituita con obbligo di firma per Domenico Grande Aracri, tratto in arresto lo scorso 19 novembre nel corso dell’operazione antimafia “Farmabusiness”. L’indagato, fratello del boss di Cutro Nicolino Grande Aracri, difeso dagli avvocati Gregorio Viscomi e Salvatore Staiano, è accusato, in concorso, di trasferimento fraudolento di valori, aggravato dal metodo mafioso, per la costituzione del consorzio Farma Italia per la quale, secondo l’accusa, in rappresentanza dell’omonima famiglia mafiosa, sovraintendeva le operazioni societarie, stabilendo gli introiti e le quote occulte da destinare alla bacinella della Locale di Cutro quale reimpiego dei fondi illeciti investiti. In seguito all’interrogatorio di garanzia davanti al gip, la difesa ha avanzato istanza di scarcerazione.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x