Ultimo aggiornamento alle 20:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Un altro bracciante investito, sale la tensione alla tendopoli di San Ferdinando

Migrante maliano coinvolto nell’ennesimo incidente stradale: non è grave. L’Usa: «Ripristinare l’illuminazione, non si lavorare per 35 euro al giorno e morire come cani»

Pubblicato il: 05/01/2021 – 13:47
Un altro bracciante investito, sale la tensione alla tendopoli di San Ferdinando

SAN FERDINANDO «Mentre i lavoratori della tendopoli di San Ferdinando piangono ancora la morte di Gora Gasama, un altro bracciante maliano è stato coinvolto lunedì sera nell’ennesimo incidente stradale rientrando a piedi nella tendopoli. Il lavoratore fortunatamente non è grave, comunque in osservazione in ospedale». È quanto si afferma in una nota dell’Usb braccianti.
«L’incidente è stato causato dal buio e dalla pericolosità della strada, ma l’esasperazione – è detto nella nota – per la situazione ha coinvolto anche il conducente del veicolo, che pur attivandosi per prestare i soccorsi è rimasto vittima del clima esasperato. Anche a lui va la solidarietà di Usb. Apprendiamo queste notizie con sollievo, ma nulla toglie al fatto che la situazione di degrado in cui questo governo, come i precedenti, continua a tenere i braccianti non può più essere tollerata. Il 21 dicembre abbiamo chiesto un incontro al Ministero del Lavoro, a oggi nessuna risposta. È la riprova che per il governo e per le istituzioni la vita di chi risiede in quel territorio, bianco o nero che sia, conta ben poco. E se il ripristino dell’illuminazione stradale rimane un imperativo improcrastinabile, altrettanto lo è una risposta da parte del ministro Catalfo alla nostra richiesta di incontro: non è più tollerabile che questi lavoratori debbano continuare a vivere in queste condizioni disumane per garantire manodopera a basso, bassissimo, prezzo. La tensione dentro ai ghetti cresce sempre più: non è possibile lavorare per 35 euro a giornata per morire come un cane».
«La situazione dei braccianti agricoli migranti – riporta ancora il comunicato – va risolta non con le parole ma con i fatti: rispetto delle condizioni di lavoro, contratti registrati, condizionalità sociale sui contributi della Pac, insediamento abitativo, regolarizzazione per tutti i lavoratori stranieri. Non basterà illuminare una strada per dare dignità e giustizia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x