venerdì, 26 Febbraio
Ultimo aggiornamento alle 11:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Provinciali Cosenza, il centrodestra non ci sarà. «Iacucci antidemocratico»

Dopo il pronunciamento del Tar, la coalizione conferma la scelta di non prendere parte all’appuntamento. «Mortificate le istituzioni»

Pubblicato il: 18/01/2021 – 16:26
Provinciali Cosenza, il centrodestra non ci sarà. «Iacucci antidemocratico»

COSENZA «Il centrodestra non prenderà parte con propri candidati all’elezione del presidente della Provincia di Cosenza, fissate per il 7 Febbraio prossimo».
Lo confermano, in una nota, i coordinamenti provinciali di FI, Lega, FdI e Udc, dopo il pronunciamento con cui il Tar Catanzaro, adito sul punto, ha ritenuto di non concedere la richiesta sospensiva cautelare delle procedure elettorali, rinviando al 9 Febbraio la discussione di merito. «Già nei giorni scorsi – ricordano FI, Lega, FdI e Udc – avevamo lamentato le distorsioni democratiche di cui il Pd e l’intero centrosinistra cosentino si stanno macchiando, a danno della democrazia. Rispettiamo l’operato del Tar e siamo fiduciosi che nel merito possano presto emergere, anche sotto il profilo tecnico-giuridico, le ragioni di una volontà che resta comunque chiara: dopo aver a lungo invocato il rinvio delle elezioni regionali giustificandolo con ragioni di ordine sanitario, il centrosinistra convoca in una sola giornata oltre 1.800 amministratori locali alle urne allestite e concentrate in un unico luogo, alla faccia delle ragioni sanitarie. Un atteggiamento ambiguo, dettato da un’unica, effettiva preoccupazione: far saltare le elezioni regionali perché impreparati e probabilmente perdenti, confermare quelle della Provincia pensando di avere la vittoria in tasca». Aggiungono le forze del centrodestra: «Siamo di fronte ad un comportamento improntato alla più spregiudicata arroganza: il presidente Iacucci ed il Pd stanno mortificando le istituzioni, calpestando e piegando le regole della democrazia al soddisfacimento di meri interessi particolari». In coda, l’affondo: «Pur avendo raccolte le firme utili, ben 300, alla presentazione di una candidatura in rappresentanza del nostro schieramento, che è espressione di una parte consistente, forse maggioritaria, degli eletti nei Comuni cosentini. Confidiamo nella discussione di merito davanti al Tar e nell’intervento del Governo, che dal canto suo ha sollecitato il rinvio della Regionali e disposto quello delle Amministrative dei tanti Comuni sciolti per mafia, in ossequio all’esigenza di prevenire il contagio. Un esempio che a Cosenza il centrosinistra però ignora, respingendo anche l’invito di un accorpamento delle elezioni del presidente con quelle del rinnovo del Consiglio provinciale: uno scempio istituzionale di cui Iacucci è da ritenersi il principale responsabile, sotto ogni profilo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb