Ultimo aggiornamento alle 0:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

“scuole sicure”

San Giovanni in Fiore, minori spacciano a scuola: 3 arresti

Un’attività investigativa, partita nel 2020, ha fatto emergere una rete di spaccio portata avanti da 14enni

Pubblicato il: 04/02/2021 – 13:29
San Giovanni in Fiore, minori spacciano a scuola: 3 arresti

SAN GIOVANNI IN FIORE I militari della compagnia carabinieri di Cosenza hanno dato esecuzione ad un’ordinanza dispositiva di 3 misure cautelari, di cui una di collocamento in comunità e due di permanenza in casa nei confronti di altrettanti soggetti, tutti minorenni, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di «detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti». I provvedimenti in argomento, emessi dal Gip presso il Tribunale per i minorenni di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica presso quel Tribunale, costituiscono l’epilogo di un’attività investigativa condotta dalla sezione operativa della compagnia di Cosenza nel periodo compreso tra febbraio e dicembre 2020, concernente una fiorente attività di spaccio svolta dai 3 minori nel Comune florense.

Operazione “Scuole sicure”


L’attività investigativa svolta dai carabinieri ha tratto origine da un servizio eseguito nell’ambito dell’attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici, denominato “Scuole sicure”, svolto a San Giovanni in Fiore (Cs) il 20 febbraio 2020, nel corso del quale i militari hanno sorpreso un minore, oggi maggiorenne, non destinatario di misura, in possesso di 78 involucri contenenti stupefacenti del tipo marijuana ed hashish, nonché la somma pari ad oltre 205 euro, riferibile all’attività di cessione dello stupefacente. All’esito di quell’attività di Polizia Giudiziaria il giovane era stato segnalato alla Procura dei minori di Catanzaro. In tale occasione veniva sequestrato al giovane lo smartphone, all’interno del quale era presumibile che contenesse prove attestanti la sua attività illecita. Da lì, è stata realizzata una copia forense con contestuale analisi del contenuto dei dati del cellulare da cui emergeva una fitta rete di contatti con giovani e giovanissimi che continuamente chiedevano di rifornirsi di stupefacenti. Quanto già acclarato attraverso l’attività di analisi dello smartphone veniva altresì rinforzato da un’attività di prevenzione da parte dei militari della sezione operativa e della stazione carabinieri di San Giovanni in Fiore, i quali, in data 2 luglio 2020, durante un controllo su strada, sorprendevano due degli odierni indagati destinatari di misura in possesso di otto involucri contenenti stupefacente del tipo marijuana e la somma contante di 850 euro suddivisa in banconote di vario taglio. Nella successiva attività di perquisizione presso un immobile nella disponibilità della famiglia del minorenne venivano poi reperiti ulteriori 350 grammi di sostanza stupefacente. A seguito delle analisi di laboratorio effettuate presso il Lass di Vibo Valentia è stato possibile stabilire che dalla droga sequestrata erano ricavabili 1134 dosi di marijuana. La rivendita sul mercato delle stesse al dettaglio avrebbe fruttato un guadagno di 10.000 euro circa.

I messaggi in codice


Tenuto conto della somma di denaro e del cospicuo quantitativo di sostanza stupefacente sequestrata, veniva dunque avviata una serie di attività tecniche, nel corso delle quali emergeva il coinvolgimento dei tre minori attinti dal provvedimento cautelare in una fitta rete di spaccio di sostanze stupefacenti, svolta con particolare attenzione, utilizzando al telefono linguaggio criptico ed applicativi social per evitare di essere scoperti da eventuali attività di indagine. Infatti, molte delle comunicazioni viaggiavano attraverso le chat di messaggistica istantanea difficili da intercettare, ma opportunamente acquisite con l’analisi forense dei cellulari posti sotto sequestro.
Il quadro probatorio veniva altresì rinforzato da una serie di riscontri da parte dei militari che hanno sentito a sommarie informazioni i clienti abituali. Nel corso dell’attività sono stati individuati 37 ragazzi, di cui 12 ancora minorenni, 2 dei quali addirittura sotto i quattordici anni di età, che con carattere di abitualità erano soliti rivolgersi agli odierni arrestati per avere hashish o marijuana. Il costo per ogni singola dose variava tra i 5 e 10 euro che dovevano essere consegnati al momento della cessione dello stupefacente. Le cessioni avvenivano in posti concordati, prevalentemente sulle pubbliche vie cittadine, nei pressi degli Istituti scolastici, e nei luoghi di aggregazione giovanile, sovente anche senza preventivi accordi, ma in occasione del casuale incontro tra gli acquirenti e gli indagati, di cui era noto il possesso di stupefacente destinato alla cessione. Uno degli assuntori, benché ancora minorenne, in una settimana era stato capace di acquistare stupefacente per un importo di 160 euro.

Una rete di spaccio


Alquanto allarmante il fenomeno che è stato registrato nel comune florense. L’attività mette in risalto la giovane età degli assuntori, alcuni dei quali ancora infraquattordicenni, che erano soliti utilizzare il denaro delle “paghette”, consegnato loro dai genitori per uscire con gli amici.
I minori sono stati ascoltati dai carabinieri alla presenza dei propri genitori, i quali erano del tutto sorpresi da quanto i loro figli avevano da raccontare. Gli stessi genitori, ignari di quanto avveniva nella loro vita, hanno preteso dai figli di raccontare ciò che avveniva nelle vie del paese e di riferire ai carabinieri i nomi degli spacciatori.
Alla luce del grave quadro emerso, tenendo conto inoltre della giovane età degli arrestati, dell’organizzazione dettagliata e fiorente dell’attività di spaccio, è stato possibile accertare la dedizione di ciascuno dei coinvolti nella diretta attività di spaccio di sostanze stupefacenti da epoca remota. Per questi motivi, valutando come assolutamente sussistenti le esigenze cautelari, il Gip presso il Tribunale per i minorenni di Catanzaro si è determinato nell’applicare, nei confronti dei tre indagati, una misura cautelare del collocamento in comunità e due misure della permanenza in casa, con l’autorizzazione ad allontanarsi per il tempo strettamente necessario alla frequenza scolastica presso gli istituti dove sono iscritti ai quali dovranno recarsi e ritornare accompagnati da un familiare o persona delegata.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb