Ultimo aggiornamento alle 22:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la nomina

Calabretta sub-commissario della Lega

La scelta di Matteo Salvini per il Carroccio calabrese. Il “caso Crotone” è il primo dossier sul tavolo dei nuovi vertici

Pubblicato il: 16/02/2021 – 17:58
di Gaetano Megna
Calabretta sub-commissario della Lega

CROTONE La Lega si riorganizza. In questa fase di riorganizzazione Cataldo Calabretta assurge al ruolo di sub-commissario regionale del Carroccio e si affianca al commissario Giacomo Francesco Saccomanno e al vice commissario Roy Biasi, che fa parte della segreteria nazionale con delega agli enti locali. La nomina di Calabretta, tra i massimi dirigenti regionali della Lega, è stata caldeggiata dal segretario nazionale Matteo Salvini, amico personale dell’avvocato di Cirò Marina. Nella Lega si racconta che il segretario nazionale consideri l’avvocato Calabretta un suo “pupillo”. Messo alla prova, Calabretta avrebbe anche dimostrato di avere la stoffa di amministratore. Salvini, infatti, sarebbe contento del «buon lavoro» che Calabretta sta facendo nella gestione della Sorical, dove ricopre la carica di commissario liquidatore. Si dice che Calabretta abbia impugnato la cesoia per tagliare rami e rametti che alla Sorical rappresenterebbero incrostazioni di cattiva amministrazione.

Il “caso Crotone”

Nella nuova carica all’interno del partito calabrese l’avvocato di Cirò Marina dovrebbe occuparsi, tra l’altro, della situazione venutasi a creare nella Lega di Crotone. Nella città pitagorica il gruppo dirigente è imploso. Dopo le dimissioni di Salvatore Gaetano da coordinatore cittadino, nelle ultime ore c’è stato il defenestramento del coordinatore provinciale Giancarlo Cerrelli. Sulle dimissioni di Gaetano si racconta che è stata anticipata una decisione che i vertici regionali avevano maturato da tempo. Secondo queste voci Gaetano era destinato a uscire comunque di scena. Non c’era soprattutto condivisione sulla situazione di conflittualità esplosa tra l’ex coordinatore cittadino e l’ex provinciale. Saccomanno, Biasi e ora Calabretta non sarebbero assolutamente contenti di come è stato sinora gestito il partito pitagorico e sono venuti a Crotone per mettere le cose a posto. C’è stata una riunione con la partecipazione dei vertici regionali. La riunione di Crotone rientra in un tour che Saccomanno e gli altri dirigenti hanno organizzato in Calabria. A conclusione dell’incontro di Crotone il partito è stato decapitato ed è stata avviata la procedura per la sua riorganizzazione.  L’obiettivo è quello di rilanciare la Lega in vista delle prossime elezioni regionali. La fase riorganizzativa nella provincia pitagorica, quasi certamente, dovrebbe essere assegnata a Calabretta, che potrebbe avere anche la gestione della provincia di Cosenza. Questo almeno si racconta anche se, ancora nel dettaglio, le scelte non sono state perfezionate.  

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb