Ultimo aggiornamento alle 13:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la strategia

Il centrodestra mette alle strette Spirlì: «Ci devi coinvolgere»

Vertice di maggioranza alla Cittadella e poi una riunione ristretta tra capigruppo e presidente ff, alle prese con il crescente malumore dei consiglieri

Pubblicato il: 10/03/2021 – 20:22
Il centrodestra mette alle strette Spirlì: «Ci devi coinvolgere»

CATANZARO Maggiore partecipazione, maggiore informazione, maggiore collegialità e – possibilmente – maggiore condivisione. La maggioranza di centrodestra “pressa” il presidente facente funzioni della Giunta regionale Nino Spirlì e sollecita un deciso cambio di passo nei rapporti tra consiglieri ed esecutivo. Sono stati giorni intensi e anche tesi, alla Cittadella: prima una riunione dei consiglieri di maggioranza e poi, oggi – a quanto si è appreso – un punto più ristretto tra i capigruppo del centrodestra a Palazzo Campanella e lo stesso Spirlì, insieme agli assessori politici della Giunta. Il fil rouge che ha unito questi due step sarebbe stato il malumore, sempre più evidente nella stragrande maggioranza dei consiglieri regionali di centrodestra, rispetto al “modus operandi” di Spirlì, ritenuto troppo autonomo e sganciato dalla coalizione che rappresenta, sia pure come reggente e per l’ordinaria amministrazione. Tante, le contestazioni mosse a Spirlì, perché tanta è la preoccupazione che i consiglieri regionali del centrodestra stanno raccogliendo tastando il polso ai territori: in primo luogo, il caos che sta caratterizzando la gestione dell’emergenza Covid-19, con particolare riferimento alla disorganizzazione e ai ritardi che si registrano nella campagna di vaccinazione. In più – è il ragionamento di molti esponenti della maggioranza – c’è anche la necessità di tenere sempre strette le maglie della coalizione perché lo slittamento delle elezioni regionali a dopo l’estate in realtà non cambia la situazione, anzi rende ancora più necessario un confronto costante tra esecutivo e legislativo e un percorso più unitario. Un percorso che invece – sarebbe emerso dalla riunione di maggioranza – Spirlì starebbe pregiudicando, al punto da non rispondere se non a pochi “eletti”, e da non rispondere nemmeno a metà del suo gruppo di riferimento in Consiglio regionale, la Lega. E in più in parecchi nel centrodestra non gradirebbero affatto l’eccessivo numero di deleghe che Spirlì ha avocato a sé, restringendo ancora di più gli spazi di partecipazione: e qualcuno sarebbe pronto a chiedere al presidente ff di non accentrare tutto nelle sue mani. Insomma, il centrodestra prova ora a mettere alle strette il presidente facente funzioni, che nell’ultimo incontro con i capigruppo – riferiscono fonti della Cittadella – avrebbe assicurato un maggiore coinvolgimento dei consiglieri. Per il momento, sarebbe stata siglata una tregua, ma – riferiscono dal centrodestra – la pazienza di molti consiglieri sarebbe comunque ai minimi termini. (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x