Ultimo aggiornamento alle 17:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la denuncia

Cuzzocrea: «Piattaforma Sue inefficiente, meglio tornare al cartaceo»

Per superare l’empasse serve creare una task force per la digitalizzazione

Pubblicato il: 15/03/2021 – 11:00
Cuzzocrea: «Piattaforma Sue inefficiente, meglio tornare al cartaceo»

COSENZA Il consigliere provinciale di Cosenza Andrea Cuzzocrea questa mattina ha inviato una lettera al Presidente della Giunta regionale della Calabria Antonino Spirlì, denunciando ancora una volta i malfunzionamenti della piattaforma informatica Sue che i tecnici devono utilizzare per protocollare i progetti. Questa situazione sta diventando insostenibile. «Mi creda – scrive Cuzzocrea rivolgendosi a Spirlì – inserire in piattaforma gli elaborati per presentare un progetto, è quasi impossibile e letteralmente snervante. Occorrono mediamente quattro o cinque giorni, quando si è fortunati, con continui tentativi di accesso al Sue, per poter caricare i file, perché il sistema informatico si blocca e bisogna ricominciare da capo. Le proteste degli ordini professionali a Catanzaro davanti alla sede della Regione, lo scorso dicembre, e la costituzione di un tavolo tecnico non hanno assolutamente risolto i problemi, anzi». 

La Calabria e la gestione delle pratiche digitali

«La questione – aggiunge Cuzzocrea – non riguarda solo la parte di interazione con la piattaforma sismica dei progetti, ma l’intero impianto poiché spesso non si riesce nemmeno ad arrivare a quei campi a causa del blocco del sistema già nella prima fase di inserimento dei dati identificativi del progetto.  Ne consegue che il lavoro di migliaia di professionisti va a rilento o, peggio, è bloccato da questa grave ed inaudita inefficienza. Come tecnico propongo allora, seppur con molta tristezza, di tornare al cartaceo fino a quando non sarà definitivamente superato questo empasse, per dare la possibilità ai professionisti di protocollare i progetti ai vari Enti». «Come amministratore pubblico invece, nella mia veste di consigliere provinciale di Cosenza, pongo una riflessione. Mi chiedo – continua – come sia possibile non avere ancora pensato a creare una task force per la digitalizzazione di tutti i processi della pubblica amministrazione. Ci sono tanti bravi ingegneri informatici, tre università in Calabria e molte persone competenti che potrebbero dare il loro apporto per risolvere i nostri problemi e farci finalmente sentire una Regione al pari delle altre regioni italiane. Serve un cambio di passo, una sfida da affrontare con competenza e determinazione. Ci vuole un progetto serio e un investimento importante, solo così potremo uscire dalla nostra condizione di inferiorità digitale e modernizzare anche la pubblica amministrazione calabrese». «Egregio Presidente, intervenga con immediatezza, poiché è necessario risolvere con estrema urgenza questa disastrosa situazione ed il mio scritto – conclude Cuzzocrea – ne vuole essere una sollecitazione propositiva, con il giusto garbo istituzionale che la buona politica deve utilizzare». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x