Ultimo aggiornamento alle 18:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il personaggio

In manette De Maio, il boss che guidava il clan emergente a Gioia Tauro

È “u rapinu” il personaggio-chiave dell’inchiesta sul narcotraffico della Dda di Reggio Calabria. Arrestati altri membri del clan, due irreperibili

Pubblicato il: 25/03/2021 – 13:08
In manette De Maio, il boss che guidava il clan emergente a Gioia Tauro

REGGIO CALABRIA È Pasquale De Maio, detto “u rapinu”, il boss arrestato stamattina nell’ambito dell’inchiesta “Joy’s Seaside”, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria che ha eseguito 17 ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip nei confronti degli esponenti della cosca De Maio-Brandimarte di Gioia Tauro, protagonista qualche anno fa di una faida che ha insanguinato la cittadina calabrese.
Il procuratore Giovanni Bombardieri, l’aggiunto Gaetano Paci e il sostituto procuratore della Dda Giulia Pantano hanno contestato i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico internazionale, concorso in detenzione, vendita e cessione a terzi di sostanze stupefacenti, anche in ingente quantitativo, del tipo cocaina, hashish e cannabis sativa, concorso in detenzione di armi e munizioni, danneggiamento ed estorsione.
Elemento di spicco dell’omonima cosca, De Maio, soggetto ritenuto di estrema pericolosità e gravato di numerosi precedenti, è il personaggio-chiave e punto di partenza delle indagini, condotte dalla squadra mobile e dal commissariato di Gioia Tauro. Con lui sono stati arrestati altri personaggi legati alla cosca come Gaetano De Maio, Vincenzo De Maio e Antonio Brandimarte. Due indagati sono, invece, irreperibili. L’attività investigativa ha dimostrato l’esistenza di un’associazione per delinquere di tipo mafioso, le cui condotte tipiche sono state contestate ai vertici del sodalizio criminale. Grazie all’inchiesta il “Rione Marina” ed il “Lungomare” di Gioia Tauro sono stati monitorati, per oltre un biennio, permettendo di ricostruire l’organigramma della ‘ndrina De Maio-Brandimarte. Stando le due zone cittadine erano di fatto diventate il “quartier generale” e l’ “enclave” della cosca. Era lì che gli uomini del clan, approfittando della tacita connivenza di alcuni abitanti, incontravano boss, gregari e personaggi di rilievo di altre cosche come gli Alvaro di Sinopoli, i Pesce, i Cacciola e i Bellocco di Rosarno. (ANSA).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x