Ultimo aggiornamento alle 11:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

turnover

Bevacqua: «Bene lo sblocco dei concorsi pubblici ma senza discriminazioni preventive»

Il consigliere reginale: «L’Italia ha bisogno di mettere in moto tutti i suoi giovani e non solo quelli favoriti da una buona sorte»

Pubblicato il: 09/04/2021 – 17:53
Bevacqua: «Bene lo sblocco dei concorsi pubblici ma senza discriminazioni preventive»

REGGIO CALABRIA «Lo sblocco dei concorsi pubblici è una buona notizia, le modalità che accompagneranno lo sblocco lo sono un po’ meno. I 500 mila posti in cinque anni annunciati dal ministro Brunetta sono senz’altro una opportunità che potrà produrre uno svecchiamento della pubblica amministrazione e sappiamo tutti quanto ce ne sia bisogno; ma le norme che si vogliono introdurre sulla valutazione preventiva dei titoli lasciano alquanto perplessi». È quanto dichiara il Capogruppo PD in Consiglio regionale, Mimmo Bevacqua, che aggiunge: «Mettere in secondo piano le lauree e avvantaggiare, già nella selezione iniziale, i titoli derivanti dalla frequentazione di master e da precedenti esperienze professionali potrebbe risultare pericolosamente discriminatorio: i master costano non tutti se li possono permettere; così come le esperienze professionali sono proprio ciò che i giovani neo laureati, per definizione, non possono avere acquisito. Se l’intento è, e deve essere, quello di favorire l’ingresso dei giovani migliori, anche di quelli che non hanno robuste famiglie alle spalle, allora la riforma Brunetta rischia di favorire ingiuste penalizzazioni. È chiaro che, chi ha più titoli, ha diritto a vederseli tutti riconosciuti e valutati; ma questo deve avvenire a valle della selezione, non a monte. Altrimenti si configura una preclusione a priori. E il prezzo più pesante rischierebbero di pagarlo proprio i figli di regioni a basso reddito pro capite, come la Calabria».
«Per queste ragioni – conclude Bevacqua – chiederò ai Gruppi PD di Camera e Senato di vagliare con attenzione il testo normativo e di intervenire con le modifiche adeguate a garantire le garanzie costituzionalmente presidiate. L’Italia ha bisogno di mettere in moto i suoi giovani, tutti i suoi giovani; e non solo quelli favoriti da una buona sorte».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb