Ultimo aggiornamento alle 21:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

alta velocità

Zanchini: «Il progetto per la Tav Salerno-Reggio Calabria va contrastato con forza»

Il vicepresidente di Legambiente: «I fondi del Recovery vanno utilizzati per migliorare altri collegamenti che servono davvero alla Calabria e al Sud»

Pubblicato il: 11/04/2021 – 11:37
Zanchini: «Il progetto per la Tav Salerno-Reggio Calabria va contrastato con forza»

ROMA «L’ebrezza dei finanziamenti europei può generare mostri». Lo scrive sul Manifesto Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente, che commenta il progetto perorato dal ministro Giovannini dell’alta velocità al Sud. Sul tavolo non solo la «l’ennesima ripresa del penoso dibattito sul Ponte sullo stretto di Messina», ma anche «il progetto di nuova linea ad alta velocità tra Salerno e Reggio Calabria presentato da Rfi».
«Chi può essere contrario a rendere più veloci e frequenti i collegamenti in treno al Sud?» si chiede Zanchini. «Nessuno, eppure il progetto proposto è da contrastare con forza, come l’idea che l’area del Paese che più ha bisogno di attenzioni e investimenti la si possa rilanciare con una nuova linea ferroviaria a doppio binario tra le montagne dell’Appennino, dove i treni possano correre a 300 chilometri all’ora».
Il problema, secondo il vicepresidente di Legambiente è legato alle caratteristiche del territorio, «una delle zone più complicate del Continente da un punto di vista morfologico e sismico, per cui la spesa inevitabilmente schizza alle stelle, con una previsione che si aggira tra i 22 e i 29 miliardi di euro».
«Se pure quelle risorse vi fossero, – scrive ancora Zanchini – ed è tutto da dimostrare, vi sono certamente altre priorità più urgenti in territori dove in questi anni si è visto tagliare tutto: dalla sanità alla scuola, dagli interventi per fermare il dissesto idrogeologico al recupero di un patrimonio edilizio sempre più degradato. Senza considerare che in questa area del Paese negli ultimi dieci anni gli intercity e i treni regionali in circolazione si sono ridotti e sono ancora invecchiati».
Il progetto non starebbe in piedi: «Nelle 222 pagine consegnate alle commissioni parlamentari manca l’unica simulazione che ci si sarebbe aspettati: ossia come migliorare la linea a doppio binario che oggi esiste tra Salerno e Reggio Calabria, con investimenti tecnologici, varianti nei tratti problematici, revisione delle sagome di alcune gallerie per renderle percorribili anche ai nuovi treni merci più lunghi, adeguamento di alcuni raggi di curvatura. E poi, rafforzamento delle connessioni con i porti di Gioia Tauro, con l’aeroporto di Lamezia Terme e con Cosenza, con la linea Jonica verso Taranto e Bari. Tutto questo non c’è, forse perché non piaceva a chi non vede l’ora di potersi candidare a muovere cemento a caro prezzo, come è sempre avvenuto in Italia per i cantieri dell’alta velocità che sono i più costosi d’Europa».
E conclude: «Dobbiamo augurarci che il ministro Giovannini riesca a realizzare qualcosa di davvero utile, che dia la possibilità di collegare più velocemente Napoli con Reggio Calabria, ma soprattutto di dare un segnale di cambiamento da subito a chi vive in questa parte del Paese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x