Ultimo aggiornamento alle 22:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la requisitoria

Fratelli calabresi uccisi in Sardegna, l’accusa chiede vent’anni per i presunti colpevoli

Il pm ha invocato la condanna nei confronti di Joselito Carras e del figlio Michael, accusati dopo la scomparsa dei due allevatori del Vibonese

Pubblicato il: 15/06/2021 – 18:06
Fratelli calabresi uccisi in Sardegna, l’accusa chiede vent’anni per i presunti colpevoli

CAGLIARI Vent’anni di reclusione ciascuno per duplice omicidio volontario. Questa la richiesta di condanna sollecitata oggi dal pubblico ministero Gaetano Porcu nei confronti di Joselito e Michael Marras, padre e figlio di 53 e 28 anni, sotto processo a Cagliari con rito abbreviato per la morte di due allevatori calabresi, i fratelli Massimiliano e Davide Mirabello, di 35 e 40 anni, originari del Vibonese, uccisi il 9 febbraio dello scorso anno nelle campagna di Dolianova.
Il magistrato dell’accusa ha parlato per quasi tre ore e mezzo davanti al giudice Giorgio Altieri, chiudendo la requisitoria con la richiesta di 20 anni di carcere per ciascuno dei due imputati. Il pm ha anche sollecitato una condanna a 2 anni e 8 mesi per Stefano Mura, 43 anni di Dolianova, accusato di favoreggiamento per un coltello ritrovato nei pressi del luogo del delitto. Dopo il duplice omicidio, Joselito e Michael Marras avrebbero gettato i corpi dei due fratelli nella macchia mediterranea, alla mercé dei cinghiali. Il movente, secondo il pubblico ministero, sarebbe da ricercare nelle liti continue per questioni di pascolo e nella tensione che, nel tempo, si era accumulata tra le due famiglie.
In aula oggi era presente solo il più giovane dei due imputati, difesi dagli avvocati Maria Grazia Monni, Patrizio Rovelli e Fabrizio Rubiu. Conclusa la requisitoria del pm, hanno parlato alcuni degli avvocati di parte civile, nominati dai familiari dei due allevatori calabresi uccisi che si erano trasferiti a Dolianova. Oltre alle arringhe dei legali Salvatore Sorbilli e Gianfranco Piscitelli, c’è stata anche quella dell’avvocato Antonello Spada che tutela l’associazione Penelope: per un mese i suoi iscritti avevano cercato i due fratelli quando risultavano scomparsi, prima che i corpi venissero ritrovati a seguito della confessione di Joselito Marras che si è accollato l’intera responsabilità del duplice delitto. Martedì 22 giugno chiuderanno le parti civili e parleranno i difensori, tra i quali Gianfranco Trullu e Doriana Perra che assistono il 43enne accusato di favoreggiamento. La sentenza potrebbe essere pronunciata entro luglio.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x