Ultimo aggiornamento alle 23:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’incontro

Salvini: «Liste pulite? La Lega è già pronta. Diciamo no a certi voti e certi soldi» – VIDEO

Il leader del Carroccio inizia il mini tour. «Con noi solo persone perbene. Primo impegno dopo il voto: la sanità ai calabresi»

Pubblicato il: 12/07/2021 – 15:41
Salvini: «Liste pulite? La Lega è già pronta. Diciamo no a certi voti e certi soldi» – VIDEO

LAMEZIA TERME «Noi della Lega la selezione per avere liste pulite la facciamo prima di presentare le candidature. Se sei una persona per bene andiamo avanti, se mi porti voti e soldi di un certo tipo vai da un’altra parte». Matteo Salvini, da un lido di Lamezia, rilancia il tema di come evitare le candidature “impresentabili”. Una questione posta nei giorni scorsi da Fratelli d’Italia, che ha chiesto alla Commissione parlamentare antimafia una verifica preventiva sui nominativi. Dal Carroccio, che si prepara a comporre lo schieramento in vista delle Regionali di ottobre, paiono arrivare conferme, anche se Salvini spiega che questa sorta di “selezione all’ingresso” sarebbe già, di fatto, esistente nei ranghi della Lega. 

Il 13 agosto a San Mango d’Aquino

salvini-calabria-lamezia-selfie
RITO | Salvini posa per i selfie

L’ex ministro dell’Interno ribadisce che sarà spesso presente in Calabria nelle prossime settimane «ma – chiarisce – ciò che conta di più è che sarò presente anche dopo il voto, a girare per le città, i villaggi e i borghi». Poi dà il prossimo appuntamento: «Il 13 agosto sarò a San Mango d’Aquino, che non so neanche dove sia, per inaugurare una strada». Poi, continua, «i pochi giorni che avrò di vacanza a cavallo di Ferragosto con la mia compagna sarò ben felice di passarli in Calabria, perché non ci basta solo rivincere le elezioni regionali o ottobre ma le vogliamo stravincere, con la Lega forza trainante del cambiamento, del rinnovamento, del futuro, del lavoro, dei giovani».

«La sanità calabrese torni ai calabresi»

Con la poca voce residua dopo i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia all’Europeo (Salvini si è presentato con la maglia azzurra numero 13 del milanista Romagnoli), il leader della Lega tocca anche qualche tema nazionale: «Il Reddito di cittadinanza – annuncia – va rivisto anche perché molti imprenditori calabresi mi dicono che non trovano dipendenti, visto che tanti giovani preferiscono restare con il Reddito sotto l’aria condizionata anziché mettersi in gioco». E poi spiega che «dopo la vittoria elettorale il primo impegno sarà quello di restituire ai calabresi gli ospedali calabresi, senza più commissari nominati da fuori che hanno fatto solo peggio. Occorre ripartire da chi conosce il territorio». 

«Il candidato lo devono portare da Napoli?»

«Non hanno neanche il candidato – afferma poi Salvini nel corso della tappa a Gizzeria Lido –  lo devono portare da Napoli il candidato per le regionali in Calabria?». Il riferimento è ovviamente a Luigi de Magistris. «Almeno avesse lavorato bene – ha detto ancora Salvini – avesse sistemato la città si parlerebbe di un genio. Ma in realtà ha disastrato Napoli quindi ad ottobre mi raccomando scegliete bene». E sulla possibile candidatura di Amalia Bruni: «Mi spiace che il centrosinistra sia arrivato a metà luglio senza un candidato però noi pensiamo al nostro lavoro, senza preoccuparci degli altri. Li rispettiamo ma non li temiamo». 

L’intervista

«Sul Ponte la Lega andrà fino in fondo»

Altro tema centrale nelle visite di Salvini in Calabria è il Ponte sullo Stretto. «Non si possono investire miliardi per l’alta velocità per fermarti a Reggio Calabria – dice Salvini –, poi metterti in coda, prendere il traghetto e poi ripartire. Non facciamo ridere. Il Ponte che unirà Calabria, Sicilia, Italia ed Europa sarà una delle opere pubbliche più belle del mondo, che porterà l’ingegneria italiana a essere conosciuta in tutto il mondo, e su questo come Lega andremo fino in fondo, perché significa lavoro e la Calabria non ha bisogno di assistenza ma di lavoro per i suoi giovani».

Giustizia, «chiunque voglia firmare il referendum è il benvenuto»

«Conto che che supereremo abbondamente il dato del milione di firme che ci eravamo
prefissati e poi se vogliono firmare Renzi, Letta, Grillo, Conte, Di Maio e chiunque altro, saranno i benvenuti», ha detto ancora Salvini riguardo alla consultazione sulla giustizia, in relazione alla possibilità che il leader di Italia Viva firmi. «Chiunque firmi i referendum sulla giustizia – ha aggiunto Salvini – è il benvenuto: stanno firmando persone culturalmente e politicamente a sinistra, socialisti, monarchici, liberali, repubblicani. Sono referendum giusti. Spero che firmino tutti i sindaci, soprattutto qui in Calabria, perché al di là del colore politico, difendere i sindaci troppo spesso indagati, dimessi e poi assolti è una questione di giustizia».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x