Ultimo aggiornamento alle 19:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’attacco

Mala depurazione, Pappaterra: «Gli impianti non funzionano. E non è solo mucillagine» – VIDEO

Il presidente di Arpacal commenta l’inchiesta Archimede. «Una sberla». E sulle chiazze gialle: «nei tratti non conformi abbiamo inibito la balneazione»

Pubblicato il: 21/07/2021 – 14:22
Mala depurazione, Pappaterra: «Gli impianti non funzionano. E non è solo mucillagine» – VIDEO

CATANZARO «L’inchiesta “Archimede” ha rappresentato per l’Arpacal una sberla notevole, è giusto che si esalti l’attività della magistratura a cui abbiamo dato disponibilità per ulteriori indagini. E’ ovvio però che ho il diritto e dovere di difendere 300 dipendenti che lavorano per controllare tutte le matrici ambientali». A parlare, prima della conferenza stampa della Regione Calabria sulla depurazione è Domenico Pappaterra, presidente di Arpacal. Il riferimento è all’indagine condotta dalla Procura di Paola, guidata da Pierpaolo Bruni, e che ha portato all’esecuzione di 10 misure cautelari ed ha colpito anche un dipendente dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Calabria. Secondo quanto emerso, il tecnico avrebbe avvertito i gestori di un impianto di depurazione di imminenti controlli da parte dell’Arpacal. «Operiamo al fianco delle procure e di tutte le forze di polizia della Calabria – ha aggiunto Pappaterra – quello di ieri è un incidente di percorso». «Mi preme precisare – continua – che Arpacal ha un ruolo di monitoraggio, controllo e di eventuale esecuzione di esami in laboratorio, quello che attiene la funzionalità degli impianti o la presenza di eventuali scarichi abusivi non è responsabilità nostra.

Le segnalazioni sull’Alto Tirreno cosentino

L’Arpacal è un ente strumentale della regione e «svolge con altissimo rigore la sua attività, compresa quella dedicata alla balneazione», sostiene Pappaterra. Sulle continue segnalazioni di bagnanti e turisti infuriati per la presenza di chiazze gialle nei mari calabresi, il presidente dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale precisa: «Dal Mar Jonio non è pervenuta nessuna segnalazione, diverse invece le criticità in alcuni tratti del mar tirreno e nl tratto da Nicotera a Lamezia Terme, attenzionato dalle due Procure competenti che hanno istituito una task force con l’Arpacal al fianco e supporto nelle attività di controllo». L’inchiesta Archimede, tuttavia, ha disvelato un quadro assai allarmante sulla gestione della depurazione e dei depuratori di alcuni comuni nel cosentino. «Ci sono scarichi abusivi, impianti malfunzionanti e sottodimensionati – aggiunge Pappaterra – e non dimentichiamoci che sul tirreno c’è una pressione antropica importante».

Mucillagine o fioritura algale?

Pappaterra è poi intervenuto sulla rovente discussione legata alla presenza di mucillagine nei nostri mari. Un’ipotesi respinta con forza dall’assessore regionale al Turismo, Fausto Orsomarso e oggetto di veementi polemiche. «I nostri tecnici sono stati a Nicotera – sintetizza Pappaterra – hanno fatto un prelievo mirato e l’esame ha dato come risultato la presenza di fioritura algale». «L’Arpacal – precisa – non ha mai affermato che le macchie giallastre siano legate alla presenza di fioritura algale, infatti, nei tratti non conformi abbiamo chiesto ai sindaci di inibire la balneazione». (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb