Ultimo aggiornamento alle 14:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La nomina

Cosenza, Angelo Paduano a capo della squadra mobile

È stato responsabile della sezione indagini patrimoniali della Questura di Vibo. Succede a Fabio Catalano

Pubblicato il: 01/09/2021 – 18:32
Cosenza, Angelo Paduano a capo della squadra mobile

COSENZA Si è insediato oggi (1 settembre) a Cosenza il nuovo capo della Squadra Mobile bruzio Angelo Paduano. Nel 1994 è entrato nei ruoli della Polizia di Stato.
Assegnato alla Questura di Vibo Valentia, è stato responsabile della Sezione Indagini Patrimoniali – Ufficio Misure di Prevenzione dove ha svolto numerose indagini finalizzate ai sequestri di beni ed alle confische di ingenti patrimoni a carico di esponenti di spicco della famigerata cosca Mancuso di Limbadi e delle consorterie del vibonese ad esse collegate.
Nel 2002 viene assegnato quale funzionario addetto al Commissariato di Pubblica sicurezza di Lamezia Terme dove ha svolto le funzioni di responsabile della Squadra Investigativa nonché, successivamente, anche quelle di vice dirigente.
In questo contesto ha partecipato alla realizzazione di numerose indagini a carico di famiglie mafiose operanti sul territorio lametino responsabili di gravi reati, oltre che di associazione a delinquere di stampo mafioso anche di efferati omicidi ed attività estorsiva. In tale ambito veniva nominato Responsabile di Gruppi investigativi formati da articolazioni investigative diverse della Polizia di Stato.
Dal 2009 viene trasferito presso la Squadra Mobile di Catanzaro dove ha assunto le funzioni di Vice Dirigente e Dirigente della Sezione Criminalità Organizzata, competente sull’intero distretto di Corte d’Appello. Nello svolgimento di tale attività, ha partecipato ad importanti investigazioni con la realizzazione di numerose operazioni nei contesti criminali delle province di Crotone, Vibo Valentia e Cosenza. Particolarmente efficace, inoltre, è stata la direzione di indagini che hanno scompaginato diverse consorterie “ndranghetistiche” operative su tutta la provincia di Catanzaro e che hanno in particolare riguardato oltre che il comprensorio di Lamezia Terme anche quello del Soveratese e dell’Alto Ionio Catanzarese.
Le attività investigative realizzate e la maturata conoscenza delle dinamiche di Criminalità Organizzata hanno portato il dottor Paduano ad essere nominato quale componente della Polizia di Stato in numerose commissioni di accesso prefettizio, che hanno determinato lo scioglimento per infiltrazioni mafiose di numerosi comuni ed enti pubblici.
Particolarmente significativo è stato l’apporto da dirigente nell’attività preventiva di diversi uffici di Prefettura per la verifica di infiltrazioni mafiose in importanti Società ed imprese operative sul territorio Nazionale.
Angelo Paduano succede a Fabio Catalano, già neopromosso primo dirigente della Polizia di Stato, trasferito alla Questura di Catanzaro, dirigente della Squadra Mobile.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x