Ultimo aggiornamento alle 12:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

Prevenzione Epatite C: il progetto ESP prosegue negli istituti penitenziari calabresi

Un semplice test eseguito sul sangue capillare consente di individuare i portatori del virus e programmare gli interventi necessari

Pubblicato il: 14/09/2021 – 10:15
Prevenzione Epatite C: il progetto ESP prosegue negli istituti penitenziari calabresi

COSENZA L’eliminazione del virus dell’Epatite C (HCV) – come stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – è una priorità per la sanità pubblica: un obiettivo che deve essere attuato entro il 2030. L’Italia è uno dei Paesi al mondo in linea con le aspettative ma – per raggiungere un così ambizioso e virtuoso obiettivo – è necessario somministrare la cura preventiva anche alle persone che vivono in condizioni di maggior disagio: queste sono le più predisposte alla contrazione dell’HCV. L’epatite C può progredire fino a gravi forme tumorali e di cirrosi epatica: fortunatamente, la medicina ha fatto enormi passi in avanti sui piani preventivi, diagnostici e terapeutici. Un semplice test eseguito sul sangue capillare attraverso la puntura a un dito consente, infatti, di individuare i portatori del virus della Epatite C e programmare interventi finalizzati all’eliminazione del virus e alla conseguente guarigione dei positivi. Questa campagna preventiva è attiva, in Calabria, attraverso il “Progetto ESP – Eliminazione nelle Special Populations”: un’iniziativa ideata da Improve, destinata alla popolazione carceraria e resa possibile dal sostegno non condizionante di Gilead, azienda leader del settore biofarmaceutico. L’obiettivo del progetto è fornire ai detenuti la giusta formazione su questa grave patologia, offrendo le informazioni necessarie per mettere in atto comportamenti di riduzione del danno ed effettuare un rapido screening su sangue capillare per individuare i soggetti portatori e avviarli a un trattamento che ad oggi permette di guarire completamente in poche settimane. Un’azione concreta e di grande valenza sociale: perché la popolazione carceraria è, per molte ragioni, tra le più esposte all’acquisizione ed alla diffusione di malattie infettive quali anche l’HCV. “Progetto ESP” è in fase di attuazione in alcuni dei più importanti istituti penitenziari della Calabria: la conclusione dell’intervento è prevista per la fine del 2021. L’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dell’HCV è di importanza cruciale e costituisce la premessa di una cura altrettanto tempestiva, utile ad evitare la progressione della infezione da HCV verso gravi patologie del fegato con un radicale miglioramento della qualità della aspettativa di vita futura e con un enorme impatto sulla salute pubblica. I test sono effettuati gratuitamente presso gli istituti penitenziari da operatori sanitari di comprovata esperienza, in grado – già dopo pochi minuti – di poterne registrare l’esito. Per i “positivi” è previsto, all’interno del penitenziario stesso, un percorso di approfondimento diagnostico finalizzato a studiare lo stato di salute del fegato ed avviare un incisivo trattamento terapeutico. “Progetto ESP”: un’azione preventiva virtuosa e coerente con le indicazioni contenute nel decreto Milleproroghe relative alle risorse destinate al finanziamento dello screening gratuito per il virus dell’Epatite C.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb