Ultimo aggiornamento alle 19:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

verso il voto

Da Lamezia Enrico Letta lancia Amalia Bruni: «Vinceremo all’ultimo rettilineo» – VIDEO

In Calabria il segretario del Pd. Dal paragone con Tortu alle aspettative: «Ultima settimana quella decisiva. Spirlì perderà come gli inglesi alle Olimpiadi»

Pubblicato il: 19/09/2021 – 11:05
di Giorgio Curcio
Da Lamezia Enrico Letta lancia Amalia Bruni: «Vinceremo all’ultimo rettilineo» – VIDEO

LAMEZIA TERME Da “una birra con Nicola”, al caffè con Amalia ed Enrico. Il claim è simile così come le iniziative e la città, Lamezia Terme. A cambiare invece sono gli orari, i protagonisti e le aspettative. Quelle di un Partito democratico in cerca di riscatto alle prossime elezioni regionali fissate per il 3 e 4 ottobre e di un’affermazione elettorale della ricercatrice Bruni che possa sovvertire pronostici e sondaggi. Un caffè domenicale amichevole, dunque, per scambiarsi idee, prospettive e visioni future insieme anche al commissario regionale, Stefano Graziano, la capogruppo al Senato, Simona Malpezzi, e la candidata Aquila Villella. Già perché dalla sera del 24 gennaio 2020 ad ora i tempi sono cambiati, e tanto. A cominciare dal segretario del PD che non è più Zingaretti, e poi Callipo che della politica non vuole più neanche parlarne. Sulla scena ora c’è Amalia Bruni che, svestito il camice, spera di indossare i panni di presidente della Regione Calabria. Ci sono ancora un paio di settimane per convincere potenziali elettori, anche i più scettici e quelli propensi all’astensionismo. 

«Amalia come Tortu»

«Quando i sondaggi danno 30-40-50% di indecisi, i risultati hanno una attendibilità molto limitata – spiega subito Enrico Letta ai giornalisti – perché conterà quello che si farà all’ultima settimana di campagna elettorale. Quello che vedo è che in Calabria, come in tutte le altre città che votano nel nostro Paese, la tendenza di crescita dei consensi nei nostri confronti. E siccome mancano ancora due settimane al voto, sono convinto che questa nostra crescita alla fine ci porterà a vincere le elezioni in Calabria». «Il nostro sforzo delle prossime due settimane – ha detto poi Letta – sarà a tappeto, comune per comune, di convincere il 40% di indecisi e su questo 40% noi faremo il sorpasso finale. Amalia Bruni è un po’ come Filippo Tortu. Anche Tortu prese il testimone nell’ultima curva in cui era un filo indietro e poi dopo nell’ultimo rettilineo ha battuto l’inglese. Ecco, l’inglese è Spirlì ed è lui che perderà nell’ultimo rettilineo». 

Bruni Letta

«La Bruni unica speranza per cambiare la sanità»

Anche questa mattina si è parlato di sanità, il tema più dibattuto in questa camapgna elettorale da tutti gli schieramenti. Enrico Letta ha così risposto a quanto aveva afferamto a L’altro Corriere Tv il leader della Lega, Matteo Salvini: «Credo che Salvini sia l’ultimo che possa parlare di sanità e Calabria, avendo lui sponsorizzato il governatore Spirlì, con questa esperienza fallimentare e drammatica, e che ha reso la Calabria una delle regioni messe peggio. È necessario un cambio radicale di direzione, di voltare subito pagina ed è per questo che abbiamo messo in campo la persona migliore tra tutti i candidati perchè Amalia Bruni fa questo, la sua esperienza professionale è la garanzia migliore in tema di sanità». «Con Amalia Bruni, che a livello italiano ed europeo è una certezza dal punto di vista professionale e delle eccellenze nella ricerca in campo sanitario, noi siamo in grado e saremo in grado di offrire ai calabresi una sanità come abbiamo in tante altre regioni d’Italia».

Bruni Letta

«Riconoscere l’unica alterantiva»

Poi una battuta sul voto: «Voglio dire ai cittadini calabresi che questo è un confronto tra due candidature, da una parte ci sono Occhiuto-Spirlì dall’altra Amalia Bruni. Chi vota per altri candidati rispetto alla Bruni vota tutto sommato per favorire Spirlì e Occhiuto. Chiediamo ai calabresi un impegno e chiediamo di riconoscere che l’unica vera alternativa, la candidatura di Amalia Bruni, l’unica per voltare pagina davvero». 

«Nessuna lezione dalla destra»

Il segretario del Pd Enrico Letta ha poi affrontato un altro tema cruciale, quello legato alla composizione delle liste e il “filtro” dell’Antimafia sui presunti impresentabili: «Non mi sembra che dalla destra possano dare lezioni di nessun tipo, francamente non le accettiamo. Noi continuiamo a pensare che sul tema della sicurezza e della legalità lo sforzo vada fatto da tutti e con un impegno generalizzato. Il futuro della regione sarà un futuro di prosperità, benessere e Amalia Bruni è la candidatura che dà maggiori garanzie da questo punto di vista, da quando ha deciso di scendere in campo è stata lei giustamente a porre questo tema come tema centrale. Ha alzato l’asticella e noi l’abbiamo seguita con il massimo impegno. Sarà una delle regioni del nostro successo».

«A Gratteri massima solidarietà, è una bandiera del Paese e della Calabria»

Enrico Letta ha dedicato una riflessione anche la progetto della ‘ndrangheta di attentare alla vita del figlio del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, progetto svelato da un collaboratore di giustizia. «Esprimo tutta la solidarietà a lui e al padre, una persona della quale ho grandissima stima. È una bandiera positiva del nostro Paese e della Calabria. È una persona che veramente merita tutta la nostra stima e la grande riconoscenza di tutto il popolo italiano». (redazione@corrierecal.it)

L’intervista:

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb