Ultimo aggiornamento alle 17:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

regionali 2021

«Sono le Regionali più importanti della storia della Calabria, solo la Bruni è garanzia di svolta»

Il segretario del Pd Letta alla festa dell’Unità a Catanzaro: «Amalia è l’unico candidato che può battere la destra. Il partito sta lavorando bene»

Pubblicato il: 19/09/2021 – 20:19
«Sono le Regionali più importanti della storia della Calabria, solo la Bruni è garanzia di svolta»

CATANZARO «Queste elezioni calabresi sono le più importanti elezioni della storia della Repubblica per la Calabria, perché queste elezioni daranno una giunta regionale che gestirà le maggiori risorse che la Calabria avrà visto nella sua storia». Lo ha affermato il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenendo a Catanzaro alla festa regionale dell’Unità del Pd della Calabria, nel corso di un’iniziativa con la candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione, Amalia Bruni. «Se la Calabria – ha aggiunto Letta – avrà una giunta regionale alla Sprilì, per capirsi, la Calabria perderà definitivamente l’opportunità di rilanciarsi, se invece la Calabria avrà una Giunta guidata dalla Bruni questa terra avrà l’occasione di rilanciarsi e uscire da un ritardo che dura da anni».  

«Bruni ha ridato orgoglio alla Calabria»

«Amalia Bruni ha ridato orgoglio alla Calabria e a questa coalizione che oggi farà le ultime due settimane di campagna elettorale con l’obiettivo di superare la coalizione di destra, di battere Occhiuto e Spirlì e vincere queste elezioni regionali, ha quidi aggiunto Letta definendo la Bruni la persona giusta, sono fermamente convinto, ottimista. Per noi è sicuramente un grande messaggio per il Sud in Calabria e per la sanità. Amalia Bruni, è una persona che incarna il cambiamento per la sanità, la fine del commissariamento della sanità e la fine di questo turismo sanitario che purtroppo caratterizza la storia di questa regione».

«De Magistris e Oliverio senza chance, fanno vincere la destra»

Letta si è poi soffermato sulle divisioni del centrosinistra, con tre candidati – oltre alla Bruni, Luigi de Magistris e Mario Oliverio – espressione dello stesso campo: «Ognuno di questi candidati – ha aggiunto il segretario del Pd – ha fatto una sua scelta, scelta che rispettiamo. Io mi sento soltanto di dire questo agli elettori. C’è un unico candidato che può battere la destra, questo candidato è Amalia Bruni. Tutti gli altri candidati non hanno chance di vincere: vogliono fare testimonianza, ma siccome con la legge elettorale che c’è non basta la testimonianza, c’è bisogno di fare qualcosa in più, perché con la testimonianza vince la destra. Questo è quello che dico rispetto ai candidati che hanno voluto candidarsi e frammentano semplicemente il fronte. Ma io sono molto fiducioso negli elettori, perché negli ultimi tempi gli elettori hanno dimostrato che davvero comprendono qual è il candidato veramente alternativo e il candidato che può vincere. E alla fine – ha dichiarato Letta – vedrete che il giudizio che gli elettori daranno sarà un giudizio che scremerà, sceglierà. E sono convinto che sceglierà Amalia Bruni».

«Con Franz Caruso possiamo vincere a Cosenza»

Un passaggio sulle Comunali di Cosenza. «Penso – ha ribadito Letta – che Franz Caruso sia il candidato che può strappare Cosenza alla destra, può riportare il centrosinistra a governare una città che è fondamentale anche per il futuro della Calabria. Oggi ci sono stato, ho visto voglia, entusiasmo, determinazione per arrivare al risultato. Quindi avanti con Franz Caruso, e avanti soprattutto con il tentativo di dare un futuro a questa città ed evitare che questa città sia in continuità con una gestione sulla quale abbiamo dato un giudizio negativo».

Il Pd in Calabria secondo Letta

Letta infine ha tastato lo stato di salute del Pd calabrese, sostenendo che il ritorno alla festa regionale dell’Unità, che mancava da tre anni,  è «il segno che il partito ha lavorato bene, che il partito ha lavorato bene a Catanzaro, che ha lavorato bene il commissario regionale. E’ il segno che il partito è pronto per riprendere la sua vita normale, quindi pronto per un congresso regionale che elegga dopo le elezioni una segretaria o un segretario regionale, che elegga un gruppo dirigente. Insomma, un partito che ritrovi la sua normalità, Questo – ha rilevato Letta – è l’obiettivo che mi sono dato da quando sono stato eletto segretario del partito: superare il commissariamento, e devo dire che questo oggi è possibile grazie al lavoro che è stato fatto, che ha fatto il commissario Graziano e grazie soprattutto all’entusiasmo che si è creato attorno alla candidatura di Amalia Bruni, che io voglio ringraziare perché attorno a lei sta ripartendo non solo il Pd in Calabria ma sta ripartendo un orgoglio in tutto il Mezzogiorno, e per quanto ci riguarda – ha concluso il segretario del Pd – è un grande investimento nel futuro, credo che sia per noi una grande opportunità e il motivo per il quale oggi siamo tutti qui convintamente a sostegno di Amalia Bruni». Letta quindi ha concluso la festa regionale dell’Unità del Pd con una foto con tutti i candidati al Consiglio regionale, tra cui anche Nicola Irto, che il leader nazionale ha abbracciato all’ingresso dell’area della convention, e con una pizza beneaugurante con gli stessi candidati, la Bruni e il commissario regionale del partito Stefano Graziano. (a. cant.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb