Ultimo aggiornamento alle 18:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il caso

Ingiunzioni di pagamento del Consorzio di bonifica, la Cassazione libera centinaia di contribuenti

Dopo l’appello di un ricorrente di Corigliano Rossano, gli ermellini hanno stabilito che il tributo si concretizza solo in caso di vantaggi esistenti

Pubblicato il: 16/11/2021 – 8:45
di Luca Latella
Ingiunzioni di pagamento del Consorzio di bonifica, la Cassazione libera centinaia di contribuenti

CORIGLIANO ROSSANO Proprio in giorni in cui i Consorzi di bonifica stanno finendo nell’occhio del ciclone, ecco giungere un’ordinanza della sezione tributaria della Corte di Cassazione che riscrive la giurisprudenza per i casi simili.
E mentre gli operai del Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini dello Jonio Cosentino sono ancora in stato di agitazione a causa degli stipendi arretrati e da più parti si invoca la revisione di questi enti, l’ordinanza – la numero 31851/2021 proc. nr 6440/2017 – libera centinaia di contribuenti di Corigliano Rossano dalla pressione delle ingiunzioni di pagamento del Consorzio di bonifica, nei casi in cui i servizi non vengano garantiti.
Nei giorni scorsi, gli ermellini hanno dato ragione ad un contribuente di Corigliano Rossano che aveva presentato ricorso, affermando che il potere impositivo del tributo da parte del Consorzio di Bonifica, si concretizza solo in presenza di opere effettivamente realizzate o la dimostrazione di vantaggi concretamente esistenti e facendo propria la decisione della Corte Costituzionale n° 188 del 2018 (secondo cui la Consulta aveva reputato illegittimo l’assoggettamento al tributo consortile solo perché l’immobile ricade nel comprensorio del consorzio, ndr).
Inoltre, l’ordinanza ha contestato il cosiddetto Piano di Classifica (lo strumento utile a quantificare l’entità del contributo ricadente sulle proprietà degli immobili che traggono beneficio dall’attività di bonifica) che la Suprema Corte ha ritenuto inadeguato ad individuare il terreno del ricorrente, mancando l’atto di perimetrazione del comprensorio. Il ricorrente ha affidato la difesa all’avvocato Tatiana Domenica Novello. (l.latella@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x