Ultimo aggiornamento alle 8:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

‘Ndrangheta stragista, nuove prove nel processo a Graviano

Il pm Lombardo ha depositato un faldone sui rapporti Papalia-Delfino-massoneria, sul Comune di Reggio e sui fondi neri dei Servizi attraverso i sequestri di persona

Pubblicato il: 18/11/2021 – 17:35
‘Ndrangheta stragista, nuove prove nel processo a Graviano


REGGIO CALABRIA Nuove prove nel processo “‘Ndrangheta stragista” che vede imputati il boss del quartiere palermitano di Brancaccio Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone, ritenuto espressione della cosca Piromalli di Gioia Tauro. Le ha anticipate il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo che rappresenta la Procura generale nel processo di secondo grado che si sta celebrando davanti alla Corte d’Assise d’Appello reggina presieduta da Bruno Muscolo. In primo grado Graviano e Filippone sono stati condannati all’ergastolo per il duplice omicidio dei carabinieri Antonino Fava e Vincenzo Garofalo, avvenuto il 18 gennaio 1994 e rientrante nella strategia stragista di Cosa nostra e ‘ndrangheta contro lo Stato.
Dopo che il giudice Giuliana Campagna ha letto la sua relazione sulla sentenza di primo grado, Lombardo ha annunciato il deposito di un faldone contenente una serie di informative e accertamenti che saranno messi a disposizione delle difese e delle parti civili. In particolare si tratta di alcune note investigative sul boss Mico Papalia e sulla «collocazione verticistica dei Papalia e dei Delfino di Platì nel panorama ‘ndranghetistico e massonico».
Altre informative riguardano «l’anonima sequestri e l’eversione», ma anche «i prodromi dell’omicidio Mormile» e la “Falange armata” descritta dal pentito Antonio Schettini. Tra i nuovi elementi di prova depositati dal pg Lombardo ci sono alcuni accertamenti sulla loggia massonica “Zhepyria”, su Palazzo San Giorgio, sede del Comune di Reggio Calabria, sui «fondi neri dei servizi attraverso i sequestri di persona» e sull’esistenza «di colloqui istituzionali in carcere non tracciati e il protocollo Farfalla».
Il processo è stato quindi rinviato al 22 dicembre prossimo quando, alla luce delle nuove prove presentate, Lombardo potrebbe chiedere alla Corte d’Assise d’Appello la riapertura dell’istruttoria dibattimentale.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x