Ultimo aggiornamento alle 23:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Stagionali Sacal, Filt Cgil: «L’ispettorato del lavoro ha sanzionato la società»

Il sindacato: «Giusta la nostra denuncia. Ora i dirigenti dovrebbero risarcire i dipendenti rimasti senza occupazione»

Pubblicato il: 15/12/2021 – 10:42
Stagionali Sacal, Filt Cgil: «L’ispettorato del lavoro ha sanzionato la società»

LAMEZIA TERME «L’Ispettorato del Lavoro ha sanzionato la Sacal Spa a seguito della denuncia avanzata dalla Filt-Cgil, confermando l’illegittimità dell’affidamento commissionato ad altra azienda (Aviapartner) relativamente al servizio Prm (assistenza passeggeri a ridotta mobilità). La richiesta della Filt-Cgil – si legge in una nota del sindacato – in occasione dell’incontro tenutosi lo scorso 21 luglio era finalizzata all’assunzione del personale stagionale che ormai da anni veniva assunto da Sacal Spa in supporto dei lavoratori già in forza, al fine di far fronte all’aumento dei passeggeri nei periodi di intenso traffico. Il responsabile delle relazioni industriali della Sacal avvocato Falbo, il Presidente De Metrio ed il Direttore generale Farabbi non hanno voluto impiegare i lavoratori stagionali poiché in azienda era in corso un ammortizzatore sociale che a loro dire ne impediva l’assunzione, anticipando inoltre alle Organizzazioni sindacali presenti che l’azienda avrebbe commissionato l’affidamento ad altra azienda ed esternalizzando, quindi, di fatto servizi e attività lavorativa.
Il puntuale e preciso approfondimento fornito alla Sacal dalla Filt-Cgil – continua la nota – che fugava ogni dubbio sulla fattibilità delle assunzioni di certo in linea e nel rispetto delle vigenti normative non è bastato: si è proceduto, quindi, nel mese di luglio su richiesta della dirigenza Sacal in accordo con Confindustria a richiedere parere all’Ispettorato del Lavoro il quale si è pronunciato confermando quanto già anticipato dalla Filt-Cgil. Ma neanche ciò è servito a far cambiare idea al management! Infatti, i dirigenti della Sacal hanno proseguito nel loro illegittimo proposito affidando il servizio ad Aviapartner. E i lavoratori stagionali che da anni si stanno battendo per uscire dal precariato, sono stati sostituiti con personale alle dipendenze di Aviapartner, ritrovandosi così senza occupazione e senza stipendio. Quanto accaduto non poteva rimanere l’ennesimo atto ingiusto commesso dalla Sacal a danno dei lavoratori, per questo la Filt-Cgil si è rivolta all’Ispettorato del Lavoro chiedendo un accertamento ispettivo che a distanza di mesi ci ha dato ragione producendo sanzioni amministrative e comunicando testualmente “sono stati svolti gli accertamenti di competenza e contestati gli illeciti emergenti da una verifica di un appalto di servizi privo dei requisiti di liceità”. Adesso – conclude la nota – chiediamo che i lavoratori rimasti privi di occupazione vengano risarciti del danno a loro causato e che venga posta dai soci della Sacal azione di responsabilità verso quei dirigenti che con superficialità hanno mal condotto questa vertenza sperperando denari della collettività».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x