Ultimo aggiornamento alle 20:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

lotta ai clan

‘Ndrangheta, confiscati beni per due milioni a esponente di spicco della cosca Pesce di Rosarno

Provvedimento eseguito dalla Dia di Reggio Calabria coordinata dal procuratore Bombardieri a carico di un boss che ha riportato due condanne

Pubblicato il: 22/12/2021 – 7:15
‘Ndrangheta, confiscati beni per due milioni a esponente di spicco della cosca Pesce di Rosarno

REGGIO CALABRIA Beni per circa due milioni di euro sono stati confiscati dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria a Vincenzo Pesce, di 69 anni, ritenuto un esponente di spicco dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta egemone a Rosarno. Il provvedimento è stato eseguito da personale della Dia di Reggio Calabria coordinato dal procuratore Giovanni Bombardieri. A poco più di un anno dal sequestro, i giudici hanno deciso per la confisca di due società riconducibili a Pesce e operanti nel settore costruzioni di edifici e smaltimento rifiuti solidi non pericolosi. Oltre ai rapporti finanziari aziendali, sono stati confiscati anche 8 immobili, tra cui un capannone con uffici aziendali di rilevanti dimensioni e diversi terreni agricoli, 10 beni mobili registrati di cospicuo valore aziendale, tra cui diverse macchine operatrici semoventi, un rimorchio, un semirimorchio, diversi autocarri e una autovettura.

La condanna nel processo ‘Ndrangheta Banking

Già condannato per associazione a delinquere nel 1994 e per associazione a delinquere di stampo mafioso nel 1996, Vincenzo Pesce detto “Sciorta” è attualmente detenuto per la condanna subita in appello nel 2018 nel processo “Ndrangheta Banking” e diventata definitiva nel 2019. Sta scontando 4 anni di reclusione per trasferimento fraudolento di valori con l’aggravante di aver agevolato la ‘ndrangheta. Si trattava di un’impresa che Pesce avrebbe intestato a un prestanome per scongiurare eventuali sequestri. La stessa impresa che poi era riuscita ad ottenere un appalto indetto dal Comune di Rosarno relativo ai lavori di manutenzione delle strade per un importo di 40mila euro. Per la confisca, la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria ha tenuto conto della pericolosità sociale “qualificata” di Vincenzo Pesce ritenuto un «soggetto partecipe alle cosche di ‘ndrangheta operanti del mandamento tirrenico reggino nonché consapevole di agevolarle».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x