Ultimo aggiornamento alle 9:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il commento

«Ordinanze di quarantena attive a Corigliano Rossano e in linea con i provvedimenti Asp»

L’amministrazione comunale: «Le difficoltà fanno parte di una fase concitata, nella quale la diffusione del virus ha raggiunto numeri inediti»

Pubblicato il: 08/01/2022 – 21:08
«Ordinanze di quarantena attive a Corigliano Rossano e in linea con i provvedimenti Asp»

Riceviamo e pubblichiamo
L’amministrazione comunale di Corigliano Rossano in merito all’articolo “Covid, saltano le ordinanze di quarantena e la pandemia “esplode”” precisa quanto segue:

Rispetto a notizie di stampa relative al presunto blackout del sistema relativo alle quarantene, riteniamo doveroso smentire categoricamente tale notizia, dal momento che il sistema di emissione delle ordinanze di quarantena della Protezione Civile è attivo ed a pieno regime. Dal 1° gennaio ad oggi sono state svariate centinaia le ordinanze emesse ed altrettante quelle notificate, a mezzo pec oppure, prevalentemente purtroppo, mediante messi notificatori. Ovviamente siamo in una fase critica, nella quale certamente si possono accumulare ritardi nella catena complessiva che porta alle quarantene, in primis in attesa degli esiti dei tamponi molecolari da parte degli Uffici Competenti dell’azienda Sanitaria, che viaggiano purtroppo in tutta la Regione anche con una settimana di ritardo, così come nelle giornate critiche tanto il Dipartimento Prevenzione quanto lo stesso settore della Protezione Civile Comunale fanno fatica ad emettere i provvedimenti conseguenti e notificare tutte le ordinanze predisposte.
Scaricare tutti i ritardi – che pur esistono – sull’ultimo anello di questa complessa catena, ovvero sulla Protezione Civile comunale, significa distorcere la realtà e mortificare il lavoro di chi, da due anni, svolge un servizio costante e non si è mai fermato, nemmeno in pieno lock-down.
Purtroppo, tali difficoltà fanno parte di una fase tanto concitata, nella quale la diffusione del virus ha raggiunto numeri inediti dall’inizio della pandemia ad oggi, fortunatamente con un tasso di acuti molto inferiore. A maggior ragione in una fase tanto critica è necessario fornire solo notizie esatte e chiare, affinché si eviti di generare confusione o addirittura di fornire giustificazioni a comportamenti irresponsabili che non possono essere contemplati.
Si ricorda, per altro, che la Protezione Civile comunale riesce a notificare ordinanze di quarantena e soprattutto ordinanze di revoca grazie ad una coraggiosa ordinanza sindacale emanata nel corso della terza ondata, proprio per agevolare il lavoro degli uffici e limitare i disagi per i cittadini, mentre in altre regioni sono proprio gli enti regionali o addirittura direttamente le Aziende Sanitarie a comunicare esiti dei tamponi e quarantene, con tempi istantanei, mediante sistema digitale.
Anche in questo caso i comuni, con mille difficoltà, sopperiscono a tali evidenti arretratezze, avendo trasformato però gli uffici di Protezione Civile (che continuano comunque ad avere le medesime importanti competenze e responsabilità del passato), così come il servizio notifiche, in uffici di gestione delle quarantene e revoche. Non è quindi minimamente accettabile, e merita smentita netta, attribuire ai comuni, ovvero alle Protezioni civili comunali, maggiori e diverse responsabilità.

L’amministrazione comunale di Corigliano Rossano

Il governo cittadino di Corigliano Rossano può smentire quanto vuole. Sarà anche per ritardi altrui, resta il fatto che molti cittadini riscontrano i problemi descritti nell’articolo. (lu.la.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x