Ultimo aggiornamento alle 13:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

Gratteri: «Il bavaglio ai magistrati? La ‘ndrangheta e Cosa Nostra ne approfitteranno»

Il procuratore di Catanzaro racconta al Fatto Quotidiano paradossi e pericoli della legge sulla presunzione di innocenza

Pubblicato il: 06/02/2022 – 7:54
Gratteri: «Il bavaglio ai magistrati? La ‘ndrangheta e Cosa Nostra ne approfitteranno»

CATANZARO «Il mio timore è anche un altro: sembra quasi che non parlandone, la ‘ndrangheta e Cosa Nostra non esistano. Ma non è così, e io ho molta paura che di questo “silenzio stampa” le mafie ne approfitteranno, perché le mafie da sempre proliferano nel silenzio. Se la ‘ndrangheta oggi è la mafia più potente è perché per anni non se ne è parlato». Nicola Gratteri racconta al Fatto Quotidiano le proprie riserve sulla “legge bavaglio” che, in nome della presunzione di innocenza, vieta a pm e polizia giudiziaria di «indicare come colpevole» l’indagato o l’imputa ­ to fino a sentenza definitiva, e impone ai procuratori di parlare con la stampa solo tramite comunicati ufficiali. E spiega che «le mafie potrebbero approfittarne».
Il procuratore di Catanzaro ricorda nell’intervista che «l’articolo 27 della Costituzione prevede già la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio, come valore primario da preservare». La direttiva europea alla quale si è spirata la politica «era era rivolta principalmente agli Stati di più recente ingresso nell’Unione europea, nei quali non erano presenti adeguati strumenti di tutela dell’imputato». Per l’Italia il risultato raggiunto con la modifica normativa è soltanto quello di limitare «fortemente la comunicazione istituzionale, che viene sostanzialmente vulnerata, a scapito del diritto di informazione dei cittadini e, se possibile, addirittura degli stessi imputati».
Questo perché non vi è controllo della comunicazione delle parti private, né delle informazioni diffuse sui social o in tv. «In assenza di una fonte istituzionale – dice ancora Gratteri –, la conseguenza sarà una circolazione di notizie incontrollate e incontrollabili, con danni collaterali inimmaginabili». E apre a paradossi: per immaginarli basta ripensare al passato. «Riesce a immaginare una comunicazione istituzionale dell’arresto degli esecutori delle stragi, omissandone le generalità?».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x