Ultimo aggiornamento alle 22:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

le norme

«Dal Milleproroghe buone notizie: stralciato emendamento che avrebbe creato precari, quello riformulato crea lavoro stabile»

Occhiuto sul lavoro delle Commissioni parlamentari: «Alla Calabria andranno 5 milioni di euro per l’anno 2022 e 10 milioni di euro annui dal 2023»

Pubblicato il: 18/02/2022 – 20:54
«Dal Milleproroghe buone notizie: stralciato emendamento che avrebbe creato precari, quello riformulato crea lavoro stabile»

CATANZARO Per il governatore Roberto Occhiuto non ci sono dubbi: «Dal via libera al decreto Milleproroghe da parte delle Commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera arriva un’altra buona notizia per la Calabria.  Gli emendamenti che riguardavano la stabilizzazione dei precari e le nuove assunzioni sono stati riformulati, con l’intervento determinante della Ragioneria generale dello Stato». Il presidente della Regione spiega la ratio delle norme contenute nel Milleproroghe: «Al fine di rafforzare la capacità amministrativa e consentire l’accelerazione delle procedure e degli investimenti pubblici per l’attuazione dei progetti previsti dal Pnrr nonché di ridurre il precariato, la nostra Regione, negli anni 2022-2023, potrà avviare procedure selettive per l’assunzione di personale non dirigenziale a tempo indeterminato, anche valorizzando le esperienze professionali maturate dal personale in servizio presso l’Azienda Calabria Lavoro. Alla Calabria andranno 5 milioni di euro per l’anno 2022 e 10 milioni di euro annui a decorrere dal 2023: risorse messe a disposizione dalla Funzione pubblica».
«Tutto ciò – continua Occhiuto – ci consentirà di rigenerare l’apparato burocratico regionale attraverso concorsi – gestiti dal Formez – che serviranno ad assumere nuove professionalità ma anche a stabilizzare tanti precari calabresi. Ringrazio i parlamentari di Forza Italia, in modo particolare Francesco Cannizzaro, per il prezioso lavoro fatto, e il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, per il sincero interessamento e la sensibilità dimostrati».
Nel tardo pomeriggio, due lanci dell’Ansa hanno anticipato la diversa sorte dei due emendamenti: uno stralciato, sulla Sanità, l’altro riformulato, su Calabria Lavoro. 
Occhiuto invia una nota esplicativa sulla questione: «L’emendamento su assunzioni in sanità – conferma – è stato stralciato. Prevedeva assunzioni a tempo determinato, e la possibilità per la Calabria di spendere fino a 11 milioni, a carico del bilancio della Regione. Con il nuovo emendamento, riformulato, invece, la Regione potrà assumere a tempo indeterminato e le risorse arriveranno dalla Funzione pubblica: 5 milioni per il 2022, e 10 all’anno dal 2023. Con il primo emendamento avremmo avuto solo altri precari. Con il secondo, andato in porto, potremo invece assumere a tempo indeterminato e stabilizzare i precari: e i fondi arriveranno da Roma».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x