Ultimo aggiornamento alle 22:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’agguato

Una “scia di sangue” tra le campagne di Reggio Nord. Le indagini sul delitto Provenzano

Il corpo del 62enne trovato privo di vita da un conoscente nelle campagne di Calanna. Non il primo agguato in questi ultimi anni

Pubblicato il: 04/04/2022 – 16:21
Una “scia di sangue” tra le campagne di Reggio Nord. Le indagini sul delitto Provenzano

REGGIO CALABRIA La Procura di Reggio Calabria non esclude nessuna pista per l’omicidio di Bruno Provenzano, di 62 anni, ucciso stamani a Calanna, nel reggino. In queste ore i carabinieri del Comando provinciale stanno passando al setaccio la zona a nord di Reggio Calabria nel tentativo di ricostruire gli ultimi momenti di vita dell’uomo, l’agricoltore trovato morto nelle campagne di Rosaniti, frazione del piccolo Comune alle porte del capoluogo di provincia.

La dinamica dell’omicidio

Noto alle forze dell’ordine, ma per piccoli fatti, Provenzano è stato ucciso con diversi colpi d’arma da fuoco. L’uomo era all’interno del proprio van quando qualcuno gli ha sparato. Un familiare o un conoscente della vittima avrebbe notato il mezzo nei pressi di un terreno. Una volta avvicinatosi, si è accorto del cadavere e ha avvertito i carabinieri. Per Bruno Provenzano non c’era più nulla da fare. I proiettili lo hanno raggiunto in punti vitali e non gli hanno lasciato scampo.
L’inchiesta è coordinata dal procuratore capo Giovanni Bombardieri e dal sostituto procuratore Giulia Scavello che presto dovrebbe disporre l’autopsia che potrà fornire qualche elemento in più sull’orario dell’omicidio. Intanto, i carabinieri stanno sentendo parenti e amici dell’uomo. Sono in corso, inoltre, alcune perquisizioni nelle abitazioni dei pregiudicati della zona.

Non si esclude alcun movente

Le indagini sono a 360 gradi. In Procura e negli ambienti investigativi nessuno si sbilancia. Ma allo stesso tempo è chiaro che al momento non si esclude alcun movente. Tra le varie ipotesi ci sono questioni personali, di vicinato o problematiche relative all’attività lavorativa che Provenzano svolgeva in campagna. Non si esclude, però, nemmeno che l’uomo sia stato ucciso in un contesto di criminalità organizzata. La zona di Calanna, Gallico e Catona, infatti, è quella dove negli ultimi anni si sono registrate più fibrillazioni tra le cosche del territorio. Tensioni che hanno portato anche a omicidi di mafia come quelli di Pasquale Chindemi, Tarik Kacha o Francesco Catalano. Che la zona nord di Reggio Calabria, infine, sia da tempo al centro delle contese dei clan lo si è registrato anche nelle indagini che hanno portato al processo “Epicentro”. Un processo nato da un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia che ha fotografato le aspirazioni degli “arcoti” sul locale di Gallico che, in questo momento, vede i principali boss detenuti in carcere. Se c’è un legame tra l’omicidio di Calanna e gli ambienti della ‘ndrangheta deve essere ancora verificato. Di certo, però, le modalità con cui è stato ucciso Bruno Provenzano ricordano quelle degli agguati mafiosi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x