Ultimo aggiornamento alle 21:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’emergenza

Caos contabile nella sanità, Occhiuto cerca un super esperto per la certificabilità dei bilanci

Pubblicato un avviso per reclutare un consulente a supporto della Gsa, uno dei “vulnus” del settore: percepirà un compenso da 75mila euro

Pubblicato il: 15/04/2022 – 11:59
Caos contabile nella sanità, Occhiuto cerca un super esperto per la certificabilità dei bilanci

CATANZARO È uno dei tanti “buchi neri” della sanità calabrese: è la Gsa, gestione sanitaria accentrata, in sostanza la struttura regionale chiamata a sovrintendere e mantenere la contabilità di tutti i rapporti economici, patrimoniali e finanziari intercorrenti fra la Regione e lo Stato, le altre regioni, le Aziende sanitarie, gli altri enti pubblici e i terzi. Un “buco nero” tanto da essere finita, la Gestione sanitaria accentrata, più volte nel mirino del tavolo Adduce, il tavolo di verifica dell’avanzamento del piano di rientro della sanità calabrese, che in più di un’ccasione ha chiesto – senza fortuna – alla Regione «notizie sulla mancata adozione del bilancio della Gsa con riferimento agli esercizi 2015, 2016, 2017 e 2018», rilevando poi – si legge nel vergare del tavolo dello scorso dicembre – «196 mln di euro sulla Gestione sanitaria accentrata non trasferiti alle aziende né utilizzati per il pagamento dei fornitori della Gsa o per trasferimenti». Insomma, un “vulnus” nella governance della sanità calabrese che adesso la struttura commissariale guidata dal governatore Roberto Occhiuto, sulla scorta delle prerogative assegnate dal Decreto Calabria, prova a colmare pubblicando, con un decreto approvato ieri, un avviso per il reclutamento di un consulente esperto: si tratta, per la precisione, di un avviso pubblico «per la selezione di un consulente, con esperienza in diritto ed economia sanitaria per l’affidamento di un incarico esterno di consulenza».

I requisiti


L’obiettivo della ricerca di un consulente è quello di supportare le attività della Gsa, il presupposto è «l’urgenza» – così si legge nel decreto di Occhiuto, sottoscritto dal sub commissario Ernesto Esposito – di rintracciare «una figura specializzata che, coerentemente con la previsione normativa, affianchi la struttura commissariale e il Dipartimento nell’ambito delle attività proprie della Gestione sanitaria accentrata e che svolga un’attività di raccordo tra Gsa, bilancio regionale e ministeri competenti. Il profilo in oggetto – specifica ancora il provvedimento – sarà coinvolto nelle attività proprie del percorso di certificabilità dei bilanci delle Aziende del Ssr con particolare riferimento alla predisposizione delle procedure amministrativo contabili della Gsa ed alla loro formalizzazione in appositi manuali». Insomma, si cerca una figura che finalmente aiuti la struttura commissariale calabrese a forre un freno nella disastrosa gestione contabile dell’intero settore. La durata del contratto è di un anno, eventualmente prorogabile. Ovviamente, non è un incarico meramente onorario, perché per il futuro consulente per la Gsa – si legge nell’avviso – è previsto un corrispettivo massimo di 75mila euro al lordo di Iva e oneri vari.
Stringenti i requisiti richiesti: tra questi, «comprovata esperienza qualificata in materia di diritto ed economia sanitaria» e «comprovata esperienza professionale di almeno 10 anni maturata nel campo sanitario». (a. c.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x