Ultimo aggiornamento alle 20:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La decisione

Spaccio sulla “piazza rossanese”, assolto 40enne

La Corte d’Appello di Catanzaro ha accolto la tesi del legale. A casa dell’uomo era stato trovato un ingente quantitativo di coca

Pubblicato il: 17/04/2022 – 6:25
Spaccio sulla “piazza rossanese”, assolto 40enne

CATANZARO La Corte di Appello di Catanzaro ha assolto un 40enne, pluripregiudicato rossanese, imputato di spaccio di un consistente quantitativo di sostanza stupefacente del tipo cocaina con l’aggravante della recidiva specifica.
Ci sono voluti ben quattro gradi di giudizio per giungere infine alla dimostrazione della totale estraneità del 40enne al gravissimo fatto di reato contestatogli. In primo grado, infatti, il Tribunale di Castrovillari emetteva nei suoi confronti una sentenza di condanna, che in prima battuta veniva integralmente confermata dalla Corte di Appello di Catanzaro. Impugnata quest’ultima dinanzi alla Suprema Corte di Cassazione, veniva celebrato il giudizio di legittimità all’esito del quale i giudici di Piazza Cavour annullavano la sentenza disponendo il rinvio per nuovo esame dinanzi ad una diversa Sezione della Corte d’Appello di Catanzaro. Veniva, dunque, celebrato il quarto grado di giudizio durante il quale la Procura Generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro chiedeva l’audizione di un teste d’accusa, richiesta che veniva accolta dai giudici dell’appello. Terminata la fase istruttoria e dopo una lunga camera di consiglio l’uomo è stato dichiarato estraneo ai fatti in contestazione e, dunque, assolto dalla grave imputazione.

La vicenda

I fatti risalgono al febbraio 2018, quando i carabinieri di Rossano su segnalazione anonima si recavano a casa dell’imputato al fine di effettuare una perquisizione. Dopo un’attesa di oltre dieci minuti, l’uomo faceva entrare i militari che notavano sia lo stato di agitazione del 40enne sia la presenza di un considerevole numero di banconote in contanti di cui non sapeva spiegare la provenienza. In quella circostanza si aveva inoltre l’impressione che l’uomo si fosse velocemente disfatto di qualcosa gettandolo nel water. Qualche giorno dopo, si procedeva ad una nuova perquisizione all’esito della quale i carabinieri rinvenivano un consistente quantitativo di sostanza stupefacente del tipo cocaina nonché materiale per il confezionamento delle dosi ed un bilancino di precisione.
Da qui l’arresto del 40enne, convalidato dal Gip del Tribunale di Castrovillari con l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere, che ha dato il via ai vari gradi di giudizio. All’esito del quarto, celebrato dinanzi alla Terza Sezione Penale della Corte d’Appello di Catanzaro, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’avvocato Francesco Nicoletti, legale del 40enne, i giudici hanno emesso una sentenza di assoluzione nei confronti dell’uomo.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x