Ultimo aggiornamento alle 13:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

le ispezioni

Maxi sequestro di marijuana a Serra San Bruno: trovati 143 chilogrammi in un casolare – VIDEO

Due ventenni arrestati dai carabinieri. Gli altri controlli effettuati nelle festività pasquali nel Soveratese

Pubblicato il: 22/04/2022 – 12:37
Maxi sequestro di marijuana a Serra San Bruno: trovati 143 chilogrammi in un casolare – VIDEO

SOVERATOSERRA SAN BRUNO Grosso sequestro di marijuana nel territorio di Serra San Bruno da parte dei carabinieri. I militari della Compagnia di Soverato, con il supporto dei carabinieri di Serra San Bruno, hanno effettuato una perquisizione in un fabbricato dove sono stati rinvenuti, nella disponibilità di due 21enni, 143 chili di marijuana, oltre a 2,8 chilogrammi di polvere di hascisc, una pressa meccanica per il confezionamento dello stupefacente e vario materiale per il confezionamento, tutto sequestrato. Su disposizione della Procura della Repubblica, i giovani sono stati tradotti rispettivamente in carcere e agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio di convalida.

Gli altri controlli

Inoltre i carabinieri, nel corso di una vasta operazione di controllo condotta nel fine settimana di Pasqua, hanno controllato un 20enne della zona alla guida di un veicolo e lo hanno trovato in possesso di 1,58 grammi di hascisc. Inoltre, in un doppiofondo ricavato sotto il sedile anteriore del lato passeggero ed al di sotto del supporto in plastica copri tergicristallo, i militari hanno trovato due involucri contenenti 645 grammi di marijuana.

I controlli nel fine settimana di Pasqua

Vasta operazione di controllo nel fine settimana di Pasqua dei carabinieri della Compagnia di Soverato, tesa a prevenire i reati connessi durante la movida e a vigilare sulla corretta attuazione della normativa sul Green pass e sulle misure di contenimento del Covid-19. Alle attività hanno preso parte pattuglie delle Sezioni Radiomobile ed Operativa, integrata dei comandi Stazioni, che hanno rivolto massima attenzione alle principali arterie stradali ed ai locali pubblici di tutto il litorale jonico di competenza, da Copanello a Guardavalle, passando per Soverato, con il centro affollato da centinaia di giovani del luogo e dei paesi limitrofi. Nel corso di una fitta rete di predisposti posti di controllo stradali, i Carabinieri hanno poi sanzionato 26 conducenti per infrazioni varie al Codice della Strada, tra cui guida senza far uso delle cinture di sicurezza e con telefono cellulare senza far uso di auricolari, per un importo complessivo di quasi tremila mila euro – decurtando un totale di 50 punti dalle patenti. I controlli hanno consentito di identificare 685 persone, controllare 422 veicoli e 32 persone sottoposte agli arresti domiciliari, eseguire 6 perquisizioni, ritirare una patente di guida, 20 esercizi pubblici ispezionati al fine di verificare anche il rispetto delle norme di contenimento del Covid-19.

Tutte le operazioni di controllo eseguite nel week end

La Sezione Radiomobile del Nor a Montepaone, in provincia di Catanzaro, ha controllato alla guida un 25enne che è stato trovato in possesso di 2 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana; in altra circostanza, la Sezione Operativa del Nor a Soverato ha controllato a piedi un 17enne trovato in possesso di 1,5 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish; ad entrambi i giovani è stato contestato l’illecito amministrativo previsto dall’art. 75 DPR 309/90. A Satriano marina, località Ravaschiera, militari della locale Stazione Carabinieri hanno controllato alla guida un 24enne risultato positivo alla verifica con etilometro in dotazione alla pattuglia. Nello specifico l’automobilista è stato accertato con un tasso alcolico pari a 1,47 g/l, quindi è stato sanzionato ai sensi dell’art. 186 del Codice della Strada (guida sotto l’influenza dell’alcool) per cui è prevista l’ammenda da euro 800 a euro 3.200 e l’arresto fino a sei mesi, nonché la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno. A Montauro, i Carabinieri di Chiaravalle Centrale hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, emessa dal Gip presso il Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Procura, nei confronti di un 45enne indagato per il reato di atti persecutori. Il procedimento penale pende nella fase delle indagini preliminari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x