Ultimo aggiornamento alle 0:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il contrasto

Pietro Mancini querela Facci: «Ha Infangato la memoria di mio padre»

Il figlio del Leone socialista: «Le calunnie contro un leader scomodo continuano 20 anni dopo la sua morte»

Pubblicato il: 07/05/2022 – 18:40
Pietro Mancini querela Facci: «Ha Infangato la memoria di mio padre»

COSENZA «Ho dato mandato al mio avvocato, Antonio Cersosimo, di sporgere querela per diffamazione nei confronti di Filippo Facci, autore del libro “La guerra dei 30 anni”, edito da Marsilio. In alcune pagine del volume, il Facci ricorre a espressioni offensive e irriguardose, indirizzate a mio padre, Giacomo Mancini, “colpevole”, soprattutto, a giudizio dell’autore, di aver risposto alla convocazione del pool “Mani pulite” di Milano, che stava indagando, nel 1992, sui finanziamenti illeciti ai partiti, tra i quali il Psi, che lo statista calabrese aveva guidato per 2 anni.
Come hanno sostenuto numerosi osservatori, storici imparziali e come ho scritto io stesso nel libro “.Mi pare si chiamasse Mancini”, l’ex segretario spiegò a Tonino Di Pietro i meccanismi, che regolarono i finanziamenti al Psi, durante la sua breve leadership, e le differenze con la lunga epoca della segreteria di Craxi. Un’ampia e argomentata illustrazione politica, non un’accusa al suo successore di aver commesso reati, come scrissero i giornali, nel novembre del 1992, in primis il “Corriere della Sera”.
Ma Facci ignora, completamente, questo aspetto rilevante, prima come consulente “storico” di 1992, una fiction di Sky, e poi nel suo libro, in cui offende una personalità, come Giacomo Mancini, stimata da amici e avversari, accostandolo al boss mafioso, poi “pentito”, Tommaso Buscetta.
Ritengo doveroso, come figlio e presidente della “Fondazione Giacomo Mancini”, sottoporre alla verifica dei giudici i “coraggiosi” attacchi e le contumelie, rivolte post-mortem al Leone socialista. Mancini ha combattuto, spesso da solo, a viso aperto, le sue battaglie politiche, non ricorrendo, mai, a metodi “infami”, come, con eleganza, li definisce il Facci.
Credo che l’insistenza di alcuni, fortunatamente pochi, craxiani nell’inventare “gombloddi” e “cattivoni” per motivare l’ingloriosa fine del centenario Psi e la molto triste (anche per mio padre) scomparsa di Bettino, ad Hammamet, sia molto più comoda rispetto all’ammissione e all’analisi dei gravi errori, politici, commessi in quel drammatico periodo. Quanto a Giacomo Mancini, le calunnie contro un leader scomodo, e molto avversato in vita, continuano, 20 anni dopo la scomparsa, anniversario ricordato, tra gli altri, da Claudio Martelli, per decenni il politico più vicino a Craxi. Come Fondazione, intitolata a Mancini, difenderemo, in ogni sede, la sua memoria. E non subiremo, in silenzio, le calunnie e gli attacchi livorosi». Lo ha dichiarato in una nota Pietro Mancini, presidente della Fondazione “Giacomo Mancini”».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x