Ultimo aggiornamento alle 1:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La vertenza

Lactalis, le Regioni Calabria e Toscana fanno rete: lettera al Mise

Princi: «La tutela dei lavoratori è una battaglia che non ha colore politico». Chiesto al Ministero dello Sviluppo Economico un tavolo risolutivo

Pubblicato il: 16/05/2022 – 8:05
Lactalis, le Regioni Calabria e Toscana fanno rete: lettera al Mise

CATANZARO Gli assessorati alle politiche del lavoro di Calabria e Toscana, rappresentati da Giusi Princi e da Alessandra Nardini, si sono fatti promotori di una lettera congiunta indirizzata al Ministero dello Sviluppo economico per chiedere l’urgente costituzione di un tavolo nazionale sulla situazione di grave crisi aziendale e la conseguente chiusura delle attività produttive del gruppo multinazionale francese Lactalis, noto leader mondiale nel mercato dei prodotti lattiero caseari.
«Dialogo, confronto, sinergia con le parti sindacali e la parte politica, in modo trasversale, con un obiettivo comune: rivendicare gli interessi dei lavoratori, sostenere i loro diritti. Questo – afferma la vice presidente Princi – è lo spirito con cui, d’intesa con il presidente Occhiuto, si sta lavorando con la Regione Toscana».
È tristemente nota, purtroppo, la situazione di grave crisi aziendale e la conseguente chiusura delle attività produttive del gruppo multinazionale francese Lactalis, noto leader mondiale nel mercato dei prodotti lattiero caseari, che da un lato sta interessando la nostra Regione e, nello specifico lo stabilimento di Reggio Calabria, da 30 anni punto d’eccellenza della città per la produzione di mozzarella a denominazione stg (specialità territoriale garantita), dall’altro coinvolge la regione Toscana con due stabilimenti, siti rispettivamente in Ponte Buggianese (Pistoia) e Cinigiano (Grosseto) che, insieme alla realtà calabrese, coinvolgono complessivamente circa 160 lavoratori e lavoratrici oltre le centinaia di operatori dell’indotto economico legati alla filiera del latte.
Per tale stato di drammatica attualità nel panorama delle crisi aziendali delle Regioni Calabria e Toscana, i rispettivi assessorati alle Politiche del lavoro, rappresentati da Giusi Princi e da Alessandra Nardini, si sono fatti promotori di una lettera congiunta indirizzata al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) per chiedere l’urgente costituzione di un tavolo nazionale che dia risposte costruttive e risolutive alle attese di centinaia di lavoratori e lavoratrici coinvolti e delle rispettive famiglie, anche al fine di arginare ogni effetto negativo di impatto sociale e di ricaduta sugli assetti delle filiere agroalimentari dei settori economici coinvolti.
«Ringrazio l’assessore al lavoro della Regione Toscana – prosegue la vice presidente – per la disponibilità con cui ha condiviso questa importante azione che, tra l’altro, getta le basi per futuri progetti che vedranno coinvolte queste due realtà geografiche anche nell’ambito del Pnrr. Per parlare in modo concreto di diritti dei lavoratori e di giustizia sul lavoro, occorre ricostituire sani rapporti sociali, rinsaldare legami tra istituzioni oltre che tra persone: solo così si potrà essere più rappresentativi nelle cause comuni, oggi legate alle esigenze di tutela e di rivendicazione dei diritti del lavoro e dei lavoratori, domani a maggiori opportunità di crescita e di sviluppo economico che potranno essere garantiti ai territori».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x