Ultimo aggiornamento alle 10:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la requisitoria

Delitto Chiodo-Tucci, chiesta in Appello la conferma di tutte le condanne

In primo grado erano stati comminati tre ergastoli e due condanne a 30 e 20 anni. Oggi la requisitoria del sostituto pg Di Maio

Pubblicato il: 19/05/2022 – 14:14
di Fabio Benincasa
Delitto Chiodo-Tucci, chiesta in Appello la conferma di tutte le condanne

CATANZARO Conferma delle condanne precedenti comminate in primo grado per tutti gli imputati. E’ la richiesta avanzata dal sostituto pg Salvatore di Maio al termine della requisitoria in Corte d’Assise d’Appello a Catanzaro (presidente Caterina Capitò) nell’ambito del processo sulla “Strage di via Popilia”, costata la vita ad Aldo Benito Chiodo e Francesco Tucci. La Corte d’Assise del Tribunale di Cosenza, per il doppio delitto, aveva condannato all’ergastolo Fiore Abbruzzese, Antonio Abbruzzese e Celestino Bevilacqua mentre Luigi Berlingieri era stato condannato a 30 anni di reclusione e Saverio Madio alla pena di 28 anni e 6 mesi. Una prima verità giudiziaria messa nero su bianco a distanza di 20 anni dal doppio agguato mortale, in uno dei quartieri popolari di Cosenza, il 9 novembre del 2000.

L’esame dei reperti balistici

Nella prima parte della requisitoria, nella precedente udienza, il pm di Maio aveva chiesto che fosse considerata utilizzabile la seconda perizia balistica, del consulente Vincenzo Mancino, depositata a Cosenza. Secondo il sostituto procuratore di Catanzaro, la consulenza è ammissibile e scevra da qualsiasi tipo di vincolo. Il giudice Caterina Capitò ha autorizzato la difesa rappresentata dagli avvocati Francesco Boccia Maria Rosa Bugliari ad esaminare i reparti balistici, tramite i rispettivi consulenti.

Le “cantate” di Franchino i Mafarda

Sono state le cantate dell’ex boss dei nomadi ad indirizzare gli inquirenti. “Franchino i Mafarda” ha spiegato come alla decisione di uccidere Benito Chiodo, si arrivò a causa degli attriti tra il gruppo dei nomadi e quello degli italiani, di cui la vittima era esponente. E in modo particolare gli zingari avevano mire “espansionistiche” non sarebbe bastata più la droga ma volevano entrare anche nel business illegale delle estorsioni. Benito Chiodo avrebbe violato i patti di un’alleanza già molto precaria e lo sgarro avrebbe decretato la condanna a morte. Per quanto riferito dal collaboratore di giustizia alla guida della Lancia Thema usata per l’agguato mortale si trovava Fiore Abbruzzese insieme allo stesso Franco Bevilacqua, Gianfranco Iannuzzi (deceduto) e Luigi Berlingieri. A fare da mandante sarebbe stato Antonio Abbruzzese mentre Francesco Madio e Celestino Bevilacqua altro non avrebbero fatto se non da attività di supporto al gruppo di fuoco. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x