Ultimo aggiornamento alle 9:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La bocciatura

L’Ue bacchetta l’Italia: stop a porte girevoli tra magistratura e politica

Il Consiglio d’Europa boccia il Paese: «Pochi progressi nella lotta alla corruzione tra parlamentari»

Pubblicato il: 02/06/2022 – 17:44
L’Ue bacchetta l’Italia: stop a porte girevoli tra magistratura e politica

STRASBURGO Stop alle porte girevoli tra magistratura e politica. E’ una delle richieste all’Italia che il Greco, organo anti corruzione del Consiglio d’Europa, torna a ribadire in occasione della pubblicazione del suo rapporto annuale. L’altro dossier a cui Strasburgo chiede di mettere mano è quello dell’adozione di un codice di condotta alla Camera e al Senato. «La questione delle porte girevoli tra magistratura e politica e’ un tema al centro del dibattito pubblico in Italia», ha osservato il presidente del Greco, Marin Mrcela. «Secondo gli standard del Greco non è possibile che un magistrato possa essere per esempio sindaco», ha aggiunto a Mrcela.
E in effetti la riforma dell’ordinamento giudiziario approvata dalla Camera alla fine d’aprile, e che ora deve passare al vaglio del Senato, contiene una serie di limiti che vanno nel senso di quanto richiesto dall’organo del Consiglio d’Europa fin dal gennaio del 2017. La Camera ha votato a favore di un divieto a esercitare contemporaneamente funzioni giurisdizionali e incarichi elettivi e governativi, sia per cariche nazionali e locali, sia per gli incarichi di governo nazionali, regionali e locali.

«Pochi progressi alla lotta alla corruzione tra parlamentari»

L’altro fronte su cui il Greco si attende progressi è quello della prevenzione della corruzione tra i parlamentari. «I progressi in questo ambito sono stati lenti», ha detto ancora Mrcela notando che questa non è comunque una particolarità italiana poiché anche altri Paesi del Consiglio d’Europa sono nella stessa situazione.
Nella fattispecie il Greco si aspetta che Camera e Senato adottino in modo formale un loro codice di condotta. Nel rapporto annuale pubblicato, che si basa sull’ultima valutazione avvenuta l’anno scorso, l’Italia non aveva ancora messo in atto pienamente nessuna delle sei raccomandazioni ricevute dal Greco ormai 5 anni fa. I dati indicano che l’83,3% è stato parzialmente fatto, mentre nulla si e’ mosso per il 16,7% delle raccomandazioni. Percentuali che pongono comunque l’Italia al di sopra della media. A livello dei 46 Stati membri del Consiglio d’Europa la percentuale di raccomandazioni totalmente soddisfatte e’ infatti risultata del 35,85%, mentre quella delle indicazioni solo parzialmente messe in atto e’ stata pari al 42,26%.
Inoltre, alla fine del 2021, tra gli Stati membri del Consiglio d’Europa solo sei avevano implementato il 100% delle raccomandazioni ricevute dal Greco sulle misure da adottare per prevenire la corruzione nei loro parlamenti: Albania, Bulgaria, Finlandia, Islanda, Norvegia e Regno Unito.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x