Ultimo aggiornamento alle 22:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Ambiente

Legge Salvamare, Tommasi: «Regione si attivi per l’immediata applicazione»

Dopo il via libera definitivo al Senato, il presidente di “Alleanza ecologica per l’Italia” chiede al presidente Occhiuto e all’assessore Gallo di accelerare

Pubblicato il: 10/06/2022 – 8:11
Legge Salvamare, Tommasi: «Regione si attivi per l’immediata applicazione»

CATANZARO «Occhiuto e Gallo si attivino per l’immediata applicazione della legge Salvamare». È quanto chiede in una nota Diego Tommasi, presidente di “Alleanza ecologica per l’Italia”. «Con l’approvazione in via definitiva dal Senato – scrive – della cosiddetta legge Salvamare, si colma un vuoto normativo e si avvia un percorso contro l’inquinamento dai rifiuti principalmente la plastica nel mare. Tale legge consente infatti ai pescatori che recuperano rifiuti in mare di portarli in porto dove le autorità portuali, e là ove non esistano saranno i comuni, devono attrezzare apposite isole ecologiche per conferire ed avviare a riciclo i rifiuti, finora i pescatori che recuperavano rifiuti non potevano portarli a terra per non incorrere addirittura in sanzioni per traffico illecito di rifiuti». «La legge prevede – ricorda Tommasi – che il ministero delle Politiche agricole di concerto con il ministero della Transizione ecologica, individuino misure premiali per i pescherecci più virtuosi. Ci sono misure per la raccolta dei rifiuti galleggianti nei fiumi con lo scopo di intercettarle prima che arrivino a mare con strumenti idonei, sarà cura del ministero della Transizione ecologica di avviare un programma sperimentale triennale per il recupero dei rifiuti galleggianti con un impegno economico per ogni anno di 2 milioni di euro». «Da recenti indagini – prosegue Tommasi – i nostri mari e le nostre spiagge sono letteralmente invase dai rifiuti, al primo posto ci sono i frammenti di plastica, seguiti dai mozziconi di sigarette. Sono previste inoltre campagne di sensibilizzazione, per il conseguimento delle finalità della legge, avente lo scopo di assicurare un’adeguata informazione ai pescatori e agli operanti del settore circa la modalità di conferimento dei rifiuti, è previsto anche il ricorso a protocolli tecnici per assicurare la mappatura delle aree adibite alla raccolta dei rifiuti». «Con appositi finanziamenti del ministero dell’Ambiente – conclude Tommasi – saranno possibili attività di monitoraggio e controllo dell’ambiente marino, di enorme importanza è l’introduzione dell’obbligo della raccolta differenziata e l’educazione ambientale in tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado per rendere gli alunni consapevoli della conservazione dell’ambiente».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x