Ultimo aggiornamento alle 7:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

arte

Il «tenebrismo» di Mattia Preti ne “Gli Evangelisti Luca e Giovanni”, l’opera inedita al Museo diocesano di Lamezia – FOTO E VIDEO

Il quadro del “Cavalier Calabrese” risalente al 1670 sarà esposta fino al 10 luglio. «Esiti elevati di lirismo e intensità»

Pubblicato il: 25/06/2022 – 19:24
di Giorgio Curcio
Il «tenebrismo» di Mattia Preti ne “Gli Evangelisti Luca e Giovanni”, l’opera inedita al Museo diocesano di Lamezia – FOTO E VIDEO

LAMEZIA TERME Arte e fede, un binomio inscindibile, testimonianza di una ricchezza storica e culturale tramandata fino a noi lungo una linea temporale che affonda le radici in secoli lontani e che non si discostano poi molto dall’attualità. Opere eterne, emblematiche, espressione di curiosità, maestria e abnegazione e che traboccano di sacrificio, visione artistica e meraviglia.

“Gli Evangelisti Luca e Giovanni”

Quelle ad esempio del grande artista del ‘600 Mattia Preti, il “Cavalier Calabrese”, ambasciatore lungo i secoli dell’arte calabrese nel mondo, nella storia futura. E che ancora desta stupore e meraviglia, emozioni e sentimenti che si provano osservando l’opera inedita e ricercata, “Gli Evangelisti Luca e Giovanni”, presumibilmente del 1670, e appartenente alla collezione privata di Carlo Perri. «Nella tela in collezione Perri – spiega Mario Panarello – la coppia degli Evangelisti si arricchisce di una componente cara all’artista tavernese, il tenebrismo, che qui viene rimarcato significativamente, conferendo all’opera una suggestione insolita». «Se non in questo dipinto – spiega ancora – in nessuna delle serie o opere citate riproducenti tale iconografia, il pittore di Taverna raggiunge esiti così elevati di lirismo e intensità».

«Un orgoglio per il Museo diocesano»

Partendo dal piccolo centro di Taverna, nel Catanzarese, l’arte di Mattia Preti raggiunte Lamezia Terme e le stanze del Museo Diocesano, proprio dove nel corso degli ultimi decenni era stato già accarezzato il “sogno” di possedere nella pinacoteca proprio un’opera di Mattia Preti. «Per diversi anni – spiega al Corriere della Calabria Francesco Emanuele, direttore del Museo diocesano di Lamezia Terme – ne siamo stati convinti, poi “L’estasi di San Francesco d’Assisi”, dopo alcuni studi e ricerche, è stata attribuita a Francesco Cozza. È comunque un orgoglio per tutta la Calabria e in particolare il museo diocesano essendo il tema del dipinto religioso, due Evangelisti, San Giovanni e San Luca, che in questo spazio trovano compimento, un tema che ben si addice al Museo Diocesano».

«Gli storici non avevano traccia del passaggio da Lamezia»

L’opera è esposta al Museo diocesano di Lamezia fino al prossimo 10 luglio dopo il vernissage di oggi pomeriggio organizzato dall’associazione culturale Arete, a cura della presidente Raffaella Gigliotti: «Continua il nostro viaggio nella Calabria dell’arte e dei suoi tesori più preziosi – spiega al Corriere della Calabria – e gli storici dell’arte non avevano traccia di un passaggio da Lamezia Terme di un’opera di Mattia Preti ed è per questo che abbiamo deciso di proporre quest’opera carica di spiritualità che non poteva essere accolta se non all’interno del Museo diocesano già traboccante di quell’arte che è in fondo il messaggio dei Santi».

L’opera contemporanea

Accanto al Cavalier Calabrese, infatti, c’è anche Cesare Berlingeri, con il suo ‘Amore Rosso per Mattia Preti’ del 2013. «Pieghe che rimandano ad altre pieghe, che si riflettono nello spazio e nel tempo, senza soluzione di continuità». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x