Ultimo aggiornamento alle 20:41
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’operazione

Truffa da 15mila euro ad una anziana donna a Castrovillari, arrestato un 32enne – VIDEO

Raggiro telefonico ad una ultraottantenne. «Tua figlia ha bisogno di soldi per un pagamento altrimenti deve corrispondere una multa molto salata»

Pubblicato il: 01/07/2022 – 7:39
Truffa da 15mila euro ad una anziana donna a Castrovillari, arrestato un 32enne – VIDEO

CASTROVILLARI «Tua figlia si trova alle Poste Centrali di Castrovillari ed ha bisogno di soldi per effettuare un pagamento, altrimenti deve corrispondere una multa molto salata». È questo l’inganno con il quale un trentunenne è riuscito a raggirare un’anziana signora di 85anni facendosi consegnare una cospicua somma di denaro e vari gioielli.
Ma, al termine di una tempestiva attività di indagine sapientemente coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, i Carabinieri della Stazione di Castrovillari con il supporto della Stazione Carabinieri di Avigliano (PZ) e del Norm – Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Potenza, hanno eseguito un’ordinanza applicativa di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio gip nei confronti di I.E., classe ‘90, di origini campane, indiziato del reato di truffa aggravata. Per il trentunenne, rintracciato ad Avigliano (PZ), si sono aperte le porte della Casa circondariale di Matera.

Le indagini

Le indagini sono state avviate dai militari della Stazione Carabinieri di Castrovillari immediatamente dopo la ricezione della denuncia da parte dell’anziana signora ultraottantenne di Castrovillari che, raggirata abilmente dall’uomo, gli aveva consegnato quasi 10.000 euro in contanti, nonché vari monili in oro, tra cui le fedi nunziali della donna e del defunto marito.
La truffa era stata organizzata nei minimi dettagli dall’indiziato – tra l’altro già gravato da numerosi precedenti di polizia giudiziaria per analoghi episodi di furti e truffe in danno di persone anziane – in concorso con altri soggetti, tuttora in fase di identificazione, tanto che nel provvedimento stesso è stata evidenziata la personalità dell’indagato, denotata da “professionalità criminosa assai significativa” e “pervicace volontà criminosa palesata e snodatasi lungo un percorso criminale che ha portato, una volta individuata la vittima, ad approfittare allo strenuo delle possibilità offerte dallo stato di evidente preoccupazione e difficoltà nella quale versava”.
Nel dettaglio, il giorno dell’evento la donna veniva contattata telefonicamente da un uomo che, millantando di essere suo nipote, sosteneva che in quel momento la propria figlia si trovava all’ufficio postale dove avrebbe dovuto effettuare un pagamento. Riceveva subito dopo una seconda telefonata da un sedicente dipendente delle Poste Italiane che, oltre a confermare quanto precedentemente riferito dal falso nipote, la informava che da lì a breve si sarebbe presentato presso la sua abitazione un uomo, a cui avrebbe dovuto consegnare il denaro necessario al pagamento.
In effetti, dopo i preliminari contatti telefonici, si presentava in casa un soggetto che, dopo essere riuscito ad entrare in confidenza con l’anziana presentandosi come un amico del nipote, si faceva consegnare il denaro richiesto. Nella circostanza, avendo notato che il tentativo di truffa avrebbe avuto esito positivo e non accontentandosi di quanto già ricevuto, approfittava ancor di più della signora chiedendole più denaro e monili d’oro che sarebbero serviti come garanzia per il pagamento della figlia.
La donna, completamente raggirata ed evidentemente preoccupata per lo stato di difficoltà in cui veniva falsamente descritta la figlia, al fine di evitarle una fantomatica multa in caso di mancato pagamento, ottemperava anche a questa seconda richiesta consegnando al suo interlocutore tutto il denaro e gli oggetti preziosi che aveva in quel momento in casa, per un importo complessivo di circa 15.000 euro. Presa la refurtiva, il truffatore si allontanava velocemente dall’abitazione della signora. Solo a quel punto, l’anziana contattava telefonicamente la figlia da cui apprendeva di essere stata in realtà truffata. Provata per l’accaduto, la vittima si presentava presso la Stazione Carabinieri di Castrovillari dove, a seguito della ricezione della denuncia, venivano immediatamente avviate le indagini che hanno poi consentito di individuare il responsabile.
Le immagini acquisite da alcuni sistemi di videosorveglianza pubblici e privati installati nei pressi dell’abitazione dell’anziana, minuziosamente comparate con altri elementi acquisiti nel corso dell’attività investigativa, hanno consentito ai Carabinieri di individuare dapprima l’auto utilizzata per commettere il reato, per poi identificare l’autore, da ritenersi comunque innocente fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile, nei cui confronti sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza per cui è stata disposta la custodia cautelare in carcere.
La misura cautelare rappresenta una pronta ed efficace risposta dell’autorità giudiziaria di Castrovillari e dell’Arma dei carabinieri in ordine all’intollerabile ed inaccettabile fenomeno delle truffe commesse in danno degli anziani, i cui casi, in linea con l’intero territorio nazionale, sono purtroppo in aumento anche nel cosentino.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x