Ultimo aggiornamento alle 9:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il contadanno

Il costo mostruoso dei ritardi per l’ospedale della Piana. «Oltre tre miliardi di euro»

Un documento dell’associazione Prosalus di Palmi quantifica i danni. Amalia Bruni: «Fallimento della classe dirigente»

Pubblicato il: 16/07/2022 – 9:08
Il costo mostruoso dei ritardi per l’ospedale della Piana. «Oltre tre miliardi di euro»

PALMI I danni certi, per l’associazione Prosalus, si stimano già nell’ordine dei miliardi di euro. Almeno tre, sommando il valore della produzione ospedaliera – 1,5miliardi tra il 2015, anno in cui si sarebbe dovuto realizzare l’ospedale della Piana, e il 2027, anno in cui dovrebbe essere operativo – e dei redditi per aziende e lavoratori – 1,45 miliardi per lo stesso periodo. Ed è soltanto una parte dei calcoli effettuati in un documento – il Contadanno – che cerca di tradurre in cifre gli enormi ritardi nella realizzazione dell’ospedale della Piana di Gioia Tauro.

Oggi, sull’argomento, interviene anche Amalia Bruni, leader dell’opposizione in consiglio regionale. «Con un documento diffuso in questi giorni l’Associazione Prosalus di Palmi ha presentato il conto dei danni subìti dai cittadini della Piana di Gioia Tauro per i gravi ritardi relativi alla costruzione del Nuovo Ospedale della Piana con sede in Palmi. Il “Contadanno” riporta tutti i dati relativi ai danni sanitari, sociali ed anche economici che questo ritardo ha arrecato a tutto il territorio non solo della Piana ma anche dell’Asp di Reggio Calabria e più in generale della Regione. Le voci sono tante e vanno dalla migrazione sanitaria per la mancanza dell’Ospedale progettato per 339 posti letto con tutte le specialità medico-chirurgiche necessarie che avrebbe potuto garantire ogni anno 11.052 ricoveri per 79.577 giornate di degenza, 3.232 cure in day hospital, 408.508 prestazioni ambulatoriali. Per tutti questi casi i cittadini si sono dovuti recare altrove per usufruire del servizio pubblico ospedaliero. La migrazione sanitaria è uno dei danni più gravi per la popolazione gran parte della quale, a parte ogni altro disagio, non può permettersi soggiorni in altri territori soprattutto quando si tratta di pazienti fragili, senza adeguato sostegno familiare o sociale e con non poche difficoltà economiche. Tra le voci del “Contadanno” vanno segnalati anche i valori della produzione/attività per cui l’assenza della struttura comporta danni per mancati ricavi derivanti dai finanziamenti pubblici e dalle prestazioni ospedaliere pari, per ogni anno, ad oltre 116 milioni di euro. Analogo discorso va fatto per i costi della produzione pari a 112 milioni di euro che però vanno visti come fonte di reddito per imprese e lavoratori del territorio: 52 milioni annui per le retribuzioni del personale e perciò reddito per le famiglie, 46 milioni per acquisti di beni e servizi per le imprese che remunerano altri lavoratori dei servizi appaltati, reddito per l’indotto, altre voci minori. Tutto ciò si riflette anche sulla mancata occupazione di lavoratori perché l’ospedale, in base ai parametri di legge occuperebbe stabilmente al minino 1325 professionisti sanitari (medici, infermieri, tecnici, operatori sanitari).  Più i lavoratori delle imprese appaltatrici di beni e servizi (forniture, ristorazione, manutenzioni, lavori, ecc.). Nel documento la stima dei danni viene rilevata su un periodo temporale che va dal 2015 al 2027. Il 2015 è l’anno in cui si sarebbe dovuto realizzare l’Ospedale, trascorsi 7 anni dall’Accordo di Programma Stato/Regione del 2007. Il 2027 è l’anno in cui l’Ospedale dovrebbe essere operativo come si comprende dal cronogramma ufficiale della Regione per il Piano Operativo 2022-2024 il quale, fino ad ora, non ha dato alcun nuovo impulso o concreta sollecitazione alle procedure. Dopo la costruzione ci vorrà ancora un anno per l’organizzazione e l’attivazione della struttura (2027). Insomma 20 anni esatti dall’Accordo di Programma Stato Regione che dichiarava tale ospedale come “opera urgente”. Infine il documento certifica un dato incontrovertibile e cioè il fallimento di una classe dirigente che in tutti questi anni non ha saputo o voluto costruire un percorso chiaro in grado di offrire certezze di tempi nella realizzazione del nuovo ospedale della Piana di Gioia Tauro. In tal senso porterò a conoscenza di tutti gli organi preposti, a partire dal Presidente della Giunta Regionale e Commissario della Sanità in Calabria, questo documento in modo tale che si abbia piena coscienza dei danni fin qui arrecati alla popolazione. Una indagine di questo tipo dovrebbe essere fatta per tutti gli ospedali della Regione che sono rimasti incompiuti, verrebbe fuori che il danno per i cittadini sarebbe di dimensioni enormi, sotto tutti i punti di vista. Io sin dal dall’inizio di questa legislatura avevo posto alla attenzione del consiglio regionale con una interrogazione il gravissimo ritardo fin qui accumulato nella costruzione degli ospedali previsti dall’accordo quadro Stato-Regione. Adesso è giunto il momento di dare una svolta. Ai cittadini della Piana di Gioia Tauro e ai calabresi in generale bisogna offrire serietà e certezze».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x